Roma, bloccato da mesi l’atto per la presa di possesso della villa dei servizi segreti su via Appia Antica

“Negli anni Novanta aveva ospitato l’archivio dei Servizi segreti. Per questo la sontuosa villa in zona Appia antica, nell’immaginario collettivo, gode di tale fama . Dopo una intricata e oscura vicenda l’immobile, già appartenuto all’architetto Adolfo Salabè – coinvolto in quegli anni nello scandalo dei fondi neri del Sisde – è stata acquisita al patrimonio pubblico che dovrebbe destinarla a centro studi per documentare l’attività agricola nell’età romana”. La notizia è rivelata da Michel Emi Maritato, presidente di AssoTutela che spiega: “Dopo anni e anni di battaglie legali, di incertezze, colpi bassi da parte degli ex proprietari lo Stato, che sull’immobile ha il diritto di prelazione, ha superato tutti gli ostacoli e ha predisposto gli atti per prendere possesso dell’edificio. Collocata in posizione strategica attigua alla tenuta di Capo di Bove, dove ha sede la Soprintendenza speciale per i Beni archeologici e l’archivio Antonio Cederna – archeologo e giornalista – la residenza sarebbe un grande attrattore turistico-culturale ma tutto è fermo in qualche cassetto dell’VIII municipio, in cui ricade l’area, e la sindaca Raggi è come al solito all’oscuro di tutto”, continua il presidente. “Guarda caso, negli stessi uffici dell’ente commissariato per la débacle dei cinque stelle, si alternano gli assessori di Roma Capitale, anche questi all’oscuro su tale vicenda mentre i cittadini (e i turisti) vengono privati di un bene comune”, chiosa Maritato.

Fonte Fotografica: https://scoprendoroma.info

(Visited 3 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*