Respingiamo il Fiscal Compact: mozione di Sinistra Italiana in Parlamento

Non ci arrendiamo all’Europa delle banche, dell’austerity e del fiscal compact. Per questo oggi alla Camera abbiamo depositato una mozione perché il Governo intervenga in tutte le sedi europee per una radicale riscrittura dei Trattati, e i loro diktat in contraddizione con i principi delle Costituzioni nate dopo la Seconda Guerra mondiale.

Chiediamo che il governo promuova la rimozione delle disposizioni pro-cicliche, come quelle contenute nel Fiscal compact, e lo scorporo della spesa per investimenti dal calcolo del saldo strutturale; perché proponga la mutualizzazione dei rischi del QE e l’introduzione a livello europeo di politiche di bilancio di compensazione dei disallineamenti dei cicli economici dei vari Stati membri e perché sostenga una conferenza europea sui debiti sovrani per affrontare i casi più critici.

Chiediamo che il Governo proponga che i titoli di Stato comprati dalle banche centrali nazionali nell’ambito del QE siano trasferiti nell’attivo di bilancio della BCE e poi congelati a tempo indefinito, senza alcuna sterilizzazione. Che vengano reperite in sede europea le necessarie risorse finanziarie per rifugiati e richiedenti asilo e che si metta in discussione l’aumento delle spese militari dell’Unione europea, respingendo ogni proposta di rafforzamento della capacità militare.

La nostra mozione racchiude un’idea di Europa che crea lavoro e che abbatte diseguaglianze per questo proponiamo anzitutto:
l’utilizzazione, a livello europeo, di una quota del gettito della tassa sulle transazioni finanziarie, unitamente all’emissione di eurobond e project bond, per finanziare e promuovere l’occupazione, in particolare quella giovanile, e la riconversione ecologica del sistema produttivo;
la ridefinizione del ruolo della Banca centrale europea come prestatrice di ultima istanza; un «social compact», per lo sviluppo sostenibile e la coesione sociale, la lotta alle disuguaglianze ed alla povertà, da concordare con gli altri partner continentali, nel quale inserire, in particolare, un indennità di disoccupazione europea.

Proponiamo che il governo italiano chieda una modifica dei Trattati e del diritto dell’Unione per includere tra gli obiettivi principali delle politiche dell’Unione, la lotta alla disoccupazione e la promozione di un’elevata occupazione, e che integri e modifichi lo Statuto del Sistema europeo di Banche centrali (SEBC) e della Banca centrale europea (BCE), chiedendo di includere tra i princìpi generali per le operazioni di credito a banche dell’eurozona la condizione per cui un credito viene concesso soltanto se promuove l’occupazione netta nel Paese dell’ente richiedente. Chiediamo inoltre che il governo faccia in modo che la stesura finale del “Pilastro europeo dei diritti sociali” sia approvata definitivamente entro il giugno del 2017 e che si riferisca espressamente all’art. 151, par. 1 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea ovvero alla armonizzazione verso l’alto.

Che sostenga a livello nazionale azioni, programmi e interventi anche di carattere normativo, per il diritto ad un reddito minimo e che intraprenda finalmente tutte le opportune iniziative per cancellare le modifiche agli articoli 81, 97 e 119 della Costituzione, apportate dalla legge costituzionale n. 1/2012, per eliminare il principio del “equilibrio di bilancio” e garantire a tutte e a tutti la salvaguardia dei diritti fondamentali.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9688 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*