MotoGp 2017, Qatar: la pagella del Dicos

MAVERICK VINALES 10, lode, applausi, abbracci e inchini: Nella gara del debutto sulla moto dei tre diapason vince sontuosamente. Si permette il lusso di battere sia un compagno di squadra ritenuto da molti il più forte, sia i desmocavalli targati Dall’Igna. L’inizio gara è guardingo, perché la pista presenta molte insidie ed è inutile rischiare Una volta prese le misure, a dodici tornate dal traguardo, inizia la rimonta. A meno nove sbriga la pratica Marquez e mette nel mirino la moto numero 4. Il Dovi prova a resistergli, grazie anche ad un motore a dir poco straordinario. Il talento di Figueres, però, è in formissima e negli ultimi due passaggi guida sontuosamente. Vederlo esprimersi tra le curve orientali è stato emozionante e ricorda, per lo stile, sia Spies sia Stoner. La MotoGp e la Yamaha hanno trovato una nuova stella destinata a brillare molto nei prossimi anni. Fenomeno!

 

ANDREA DESMODOVI 9,5: Passa l’inverno con il ruolo di seconda guida ma in pista è stato l’unico ducatista a far godere. Prova, con coraggio e tenacia, a portare sul gradino più alto la Desmosedici. Ha incontrato, purtroppo per lui ed i ducatisti, un marziano alla guida di una navicella. Il motore ed il cuore non hanno regalato il successo, ma hanno almeno infiammato i cuori rossi. La Ducati con lui c’è!

 

VALENTINO ROSSI 8: Se a qualcuno sono bastati tre giorni per resuscitare, a Mister 9 volte ce n’è voluto uno in più. Decimo in griglia, terzo alla bandiera a scacchi. E’ incredibile come sia in grado di migliorare nettamente tra le prove e la gara. Conclude con la soddisfazione di aver battuto Marquez, ma la sua è una gioia a metà. Un altro spagnolo, al debutto con la stessa moto, le ha suonate a tutti. Divino!

 

MARC MARQUEZ 7: Fino a 9 tornate dal termine è sul podio ma prima Vinales, poi Rossi, lo costringono ad accontentarsi della medaglia di legno. La sua Honda, in difficoltà anche con la Suzuki in accelerazione, ha patito, forse, un eccessiva usura degli pneumatici. Il campione del mondo non inizia nei migliori dei modi la stagione ed ha trovato nel connazionale, dal nome di un missile tattico aria-superficie, un cliente molto ma molto scomodo. Con intelligenza evita la ricerca di miracoli e soprattutto evita uno 0 in casella. Opaco!

 

DANI PEDROSA 6: Il cronometro dice che il distacco da chi l’ha preceduto è contenuto. La dinamica della gara, però, racconta che non è mai stato protagonista nelle posizioni di vertice. Gara intelligente in attesa di circuiti più favorevoli.

 

ANDREA IANNONE 3: Si conferma un pilota veloce sul giro secco ma poco lucido una volta spento il semaforo. La velocità fine a se stessa è inutile, specie se frutto di inutili rischi. La vittorie ed i punti vanno a chi conclude le gare, non a chi casca. Bocciato!

 

JORGE LORENZO 4: Il maiorchino è, ad oggi, la brutta copia di se stesso. Il matrimonio con la rossa ancora deve sbocciare e le prestazioni ne risentono. Ha talento e testa per rimediare e portare la Ducati in alto. Ora, però, arranca in posizioni che non sono proprio di chi vuol fare la differenza. Rimandato!

 

YAMAHA: Perfetta.

DUCATI: Veloce ma un pizzico in difficoltà nei cambi di traiettoria.

HONDA: Imperfetta.

APRILIA: Piacevole sorpresa.

SUZUKI: Chi è il genio che si è lasciato sfuggire Vinales per Iannone?

KTM: Lontana.

GARA: Bella.

CIRCUITO: Nel 2017 è inconcepibile che ai massimi livelli saltino le qualifiche a causa della pioggia. Certo si trova nel deserto, ma la lezione del 2009 non ha insegnato nulla?

VITTORIE DUCATI: Un tale ha sussurrato che sull’asfalto di Losail la rossa di Borgo Panigale non ha mai vinto, mannaggia mannaggia. Ricordo a questo smemorato appassionato, mi auguro in buona fede, che dal 2007 al 2009 qualcuno ha urlato “Stoner c’è!”. Scusate se è poco…..

Fonte foto: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*