Ratafiamm, un rilettura sintetico-ieratica di Veramente di Mario Venuti è il nuovo brano del duo romagnolo

 

Il celebre brano del cantautore siciliano in una versione elettronica che diventa una lunga preghiera sintetica accompagnata da un video con protagonista la pole dancer Iamad Boari. Nuova anticipazione dal disco “Tourist, you are the terrorist” di prossima uscita

[su_youtube_advanced url=”https://www.youtube.com/watch?v=Jzsyfsw7fmY&”]

“La scelta di Mario Venuti ha prima di tutto una motivazione molto semplice: secondo noi è uno dei migliori autori italiani delle ultime generazioni. ‘Veramente’, in particolare, ci ha sempre colpito per la quantità di piani di lettura. Noi abbiamo voluto immaginarcela come una preghiera, con una cadenza lenta e meditativa. Persino il tema strumentale, rallentato ma lasciato inalterato melodicamente, risuona quasi mistico. Rinascita ad ogni istante. Anche dopo il peggiore degli inverni.”

Presentano con queste parole i Ratafiamm il nuovo singolo “Veramente”, un celebre brano di Mario Venuti a cui l’indie-pop band formata da Enrico Cibelli e Andrea de Nittis ha dato una nuova veste sonora sintetica e ieratica.
La canzone è accompagnata da un video di Francesco Lamonaca che ha per protagonista Iamad Boari, acrobatica pole dancer professionista.
“Quello che sentivo, attraverso la cadenza liturgica di “Veramente” – spiega il videomaker – era la fatica che un atleta (metafora dell’impegno costante) fa per ottenere ciò che cerca e la rinascita che compie dopo ogni errore o fallimento. Con una premessa così ho subito immaginato la sacralità di una palestra immersa nel buio, muscoli in tensione e quella stanchezza buona che ti fa sentire vivo. Infine è stato divertente anche coverizzare a mio modo il video originale di Mario Venuti girato da Christian Bisceglia, mantenendo come citazioni alcuni elementi visivi: la pelle nuda, il ballo e il tatuaggio ma, come i Ratafiamm, togliendo tutta la luce presente nel brano originale.”

“Veramente” è il quarto brano con video, dopo “Vedere”, “Turista” e “Una piccola patria”, proposto dai Ratafiamm in seguito al ritorno sulle scene musicali a cinque anni dall’ultimo disco “Low Budget Invasion”.
Le quattro tracce anticipano l’uscita di “Tourist, you are the terrorist”, nuovo lavoro sulla lunga distanza previsto per i prossimi mesi come ritorno di una delle formazioni più interessanti e di culto degli anni Zero.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*