Sport paralimpico, Nadia Bala: “Con Magri per far crescere il Sitting Volley”

Coraggio e determinazione fanno parte del suo DNA. Giocatrice e arbitro, passione per la pallavolo da vendere.

Nadia Bala, oggi è uno dei punti di forza della nazionale di sitting volley, quattro anni fa, esattamente il 1 maggio del 2013, ha dovuto interrompere il suo percorso di giovane atleta, riporre sogni ed ambizioni .

Colpita improvvisamente da paraparesi, ha visto la sua vita cambiare radicalmente senza che neanche se ne potesse rendere conto.

Prima il lungo peregrinare negli ospedali per capire le cause e gli effetti della malattia, poi, dopo la diagnosi, un periodo difficile, chiusa in casa, senza la voglia di uscire e di sorridere.

Ma sua dirompente voglia di vivere riemerge prepotente, le permette di superare la sua disabilità, di accettare la carrozzina, di ritrovare la forza per rimettersi in gioco e continuare a vivere facendo ciò che più le piace.

Ad un anno esatto dalla sua prima crisi, fonda “Vinci l’epilessia”, Associazione di cui è oggi presidente, nata per dare una speranza agli altri disabili, cercando spingerli a reagire ed ad accettare la malattia.

Un pallone da pallavolo con un fiocco viola è l’emblematico simbolo dell’Associazione.

E si perché la pallavolo per Nadia è un grande amore. Ed volley è stata una delle molle che l’hanno portato a reagire. Nel sitting volley ha trovato la maniera per continuare ad essere protagonista in campo, per sentirsi atleta esattamente come lo era prima.

Nello sport che dopo Londra 2012 era appena arrivato in Italia trova gli stimoli per dare il meglio di se. Giocatrice e dirigente con eguale efficacia, nel 2014 viene nominata dalla Fipav Commissario Provinciale di Rovigo, dell’emergente disciplina, nell’aprile del 2015 arriva la chiamata della nazionale.

“Qualsiasi malattia può essere affrontata attraverso lo sport-ci racconta- ovviamente quelli di squadra servono anche per socializzare, per trovare nuova forza, insieme alle tue compagne” .

Da qui è partito l’impegno di Nadia per diffondere e far crescere il sitting volley in Italia.

“Negli ultimi anni siamo cresciuti moltissimo. Nel nostro paese l’attività femminile è partita solo dal 2013 ma il movimento mondiale è nato nel 1956. Essendo agli inizi pensavamo di dover pagare lo scotto all’inesperienza, poi ci siamo ritrovare a giocare partite importanti e sono arrivate belle soddisfazioni. L’anno scorso in Cina abbiamo battuto l’Egitto, centrando la prima storica vittoria della nazionale, mentre a Follonica, in un torneo di altissimo livello tecnico, contro Slovenia, Croazia e Ungheria abbiamo ottenuto due vittorie e sfiorato la terza, persa al quinto set 12-15. Ora puntiamo a Europei, Mondiali e ovviamente alla qualificazione per le Olimpiadi”.

Fra le sue tante battaglie ha deciso di sostenere Carlo Magri nella sua corsa alla riconferma alla carica di presidente federale. Per il bene del movimento del suo sport, per riconoscenza verso il Presidente Federale per quello che ha fatto in questi anni per l’affermazione del sitting volley e per quello che potrà fare in futuro.

“ Siamo disciplina paralimpica. Ringrazio il CIP, nella persona di Luca Pancalli, e la Fipav che hanno creduto in noi. Il riconoscimento era il primo passo per far crescere il movimento.

L’obiettivo ora è la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo. Ovviamente è il nostro sogno più grande, ci stiamo lavorando.

La nostra disciplina è in crescita ma la strada da fare è ancora molto lunga, molti atleti fanno una gran fatica ad integrarsi, ci vorrà tempo ed una Federazione che, in sinergia con il Comitato Paralimpico, ci creda fino in fondo sostenendoci e non lasciandoci soli ”.
Immagine incorporata 1
La Fipav come deve intervenire per il movimento del sitting volley ?

“ Il sitting volley richiede gli stessi spazi e le stesse attrezzature della pallavolo. Gli spazi ci sono, le società che vogliono fare attività possono inserirla nei loro programmi. Non sta qui il problema. Il nostro sport ha bisogno di essere diffuso correttamente e in maniera stimolante. Bisogna aiutare chi vuole iniziare questa attività e non sa a chi rivolgersi. Ci sono regioni italiane dove il sitting non è ancora arrivato, nostra intenzione è riuscire a farlo giocare su tutto il territorio nazionale.

La Federazione ha il compito di creare delle linee guida che possano essere seguite dai tecnici e dalle società. Serve in sintesi maggiore informazione, una burocrazia più snella e una formazione mirata. L’atleta con disabilità che vuole avvicinarsi a questo sport deve essere seguito tappa dopo tappa, va incoraggiato e aiutato a superare le proprie difficoltà, fisiche e psicologiche. Vorrei dare il mio contributo per creare una rete più ampia, volta ad allargare la base dei praticanti entrando ad esempio in maniera concreta nel mondo della scuola coinvolgendo i ragazzi con disabilità ed affetti da epilessia per farli entrare in palestra a provare a giocare ”.

Cosa l’ha spinta a dare fiducia e sostegno a Carlo Magri ?

“Mi è piaciuto molto il lavoro svolto finora a favore del sitting volley. Dobbiamo migliorare nella promozione del movimento, strutturare il settore in maniera ancor più professionale, ma la strada è quella giusta. Garantirò il mio impegno e la mia grinta, in campo e nell’organizzazione sportiva. Carlo Magri ha dimostrato di crederci sin dall’inizio e di avere la giusta ambizione. Il sitting italiano è pronto al decollo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*