Gaza, Israele sotto accusa per genocidio alla Corte dell’Aia

Gaza



Le operazioni militari di Israele nella Striscia di Gaza sono “tese a causare la distruzione di una parte significativa della comunità etnica e nazionale palestinese”: questa l’accusa mossa dal Sudafrica, da oggi al centro all’Aia di un procedimento presso la Corte internazionale di giustizia. Il testo è contenuto in documenti con i quali il governo di Pretoria chiede come “misure preventive” lo stop dei raid e dei bombardamenti ordinati dopo gli assalti dei commando armati di Hamas del 7 ottobre. Alla Corte, un organismo delle Nazioni Unite del quale sono membri sia il Sudafrica sia Israele, è chiesto di pronunciarsi però anche su un’accusa di genocidio da parte di Tel Aviv.

Pretoria

Secondo il governo di Pretoria, “Israele sta uccidendo palestinesi a Gaza causando gravi danni fisici e mentali e infliggendo loro condizioni di vita pensate per determinarne la distruzione fisica”.
Attraverso il presidente Isaac Herzog, Tel Aviv ha respinto le accuse, definendole “atroci e pretestuose”.
Le sentenze della Corte Onu sono legalmente vincolanti per gli Stati che ne riconoscono le giurisdizione ma non possono essere attuate in modo forzoso. Nel 2022 il tribunale aveva intimato alla Russia di sospendere immediatamente le sue operazioni militari in Ucraina ma la sua sentenza era stata ignorata.
Dalla fine del regime di apartheid nel 1994, a Pretoria è al governo il partito African National Congress (Anc), che ha una lunga storia di solidarietà con la causa palestinese.

23mila palestinesi

Dopo gli assalti di Hamas nel sud di Israele, nei quali sono state uccise circa 1.200 persone, Tel Aviv ha lanciato un’offensiva su Gaza via aerea, mare e terra. Secondo il ministero della Sanità della regione, già piegata da anni di embargo e restrizioni imposte da Israele, nei raid sono state uccise più di 23mila palestinesi.
Fonte: agenzia dire

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Gaza, Israele sotto accusa per genocidio alla Corte dell’Aia

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28527 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.