Spinelli: “Una serie riflessione sulle politiche migratorie del governo”

papa



Una seria riflessione adottando i fatti e la “potenza del linguaggio” per citare la scrittrice afroamericana Toni Morrison, premio Nobel per la letteratura.

Con il discorso richiamato in basso, 4 giorni fa l’On. Soumahoro, sociologo, ex sindacalista e attualmente Deputato del gruppo misto, ha contestato al Governo Meloni 3 aspetti molto gravi sulle politiche migratorie:

Nessun legame

PUNTO 1: non sussiste legame tra immigrazione e radicalizzazione cioè terrorismo, argomento usato dal Governo per criminalizzare i migranti e respingerli. Nessun dato convalida quanto le destre sostengono. Invece l’On. cita un rapporto del 2021 del Parlamento europeo che attesta quanto i migranti siano al contrario vittime di pesante discriminazione, emarginazione, perdita d’identità e povertà.

PUNTO 2: ad oggi è inesistente il “Piano Mattei” per l’Africa sempre menzionato dal Governo ma mai consegnato all’aula parlamentare pur richiesto da un anno. Cioè il Piano con lo sviluppo economico africano basato sull’incontro tra il nostro fabbisogno di fonti energetiche (domanda) con la loro disponibilità di risorse (offerta) per creare un’economia che risollevi un continente vessato da poverta’ provocata da secoli di colonialismo e sfruttamento occidentali. Mai interpellata l’Unione africana di 54 Stati. Nessun piano o politica di sviluppo che aiuti senza sfruttare a ridurre l’emigrazione affinché i migranti possano esercitare il diritto di restare nelle proprie terre in condizioni dignitose e di pieno sviluppo per le loro nazioni, culture e società.

Diritti violati

PUNTO 3: l’accordo Italia-Tunisia stipulato dal Governo per ridurre i flussi migratori viola pesantemente i diritti umani dei migranti. Come tragicamente noto, il dittatore tunisino Saied, pagato dall’Unione Europea per trattenere migranti, invece li respinge nel deserto libico o nelle prigioni libiche, condannandoli alla morte o a torture e violenze inaudite. L’On. cita pure le testimonianze raccolte nell’hotspot di Lampedusa da donne vittime di violenze, da uomini sfregiati da machete o imprigionati, torturati o ridotti in schiavitù. I trattamenti disumani subiti dai migranti nei loro viaggi di fuga dalla povertà sono documentati da reportage giornalistici, dalle organizzazioni umanitarie, da libri e film tra cui “Storie d’Africa” del regista Piero Cannizzaro e “Io Capitano” del regista Matteo Garrone basati sui racconti reali di chi ha tentato il pericoloso viaggio verso l’Europa.

Quindi

Migranti vittime delle condizioni del proprio paese d’origine e di un’Europa che schiavizza, discrimina e respinge.
Assenza di alternative alla migrazione e di prospettive di sviluppo africano.
Accordi per il contenimento dei flussi migratori stipulati con uno spietato dittatore che li condanna alla morte violando pesantemente i diritti umani.
Infondatezza di argomenti delle destre ed inesistenza di piani di sviluppo.

A qualche giorno dal pesante attacco dell’On. Soumahoro frontale al Governo, sui giornali….. l’arresto di moglie e suocera in esito alle indagini sulla Cooperativa Karibe. Articoli con pesanti accuse del Ministro Salvini nonostante sembrerebbe provata l’estraneità dell’Onorevole dalla vicenda.

Neppure sfugge che l’indagine fu aperta un anno fa e cioè solo dopo l’ingresso di Soumahoro in Parlamento e la sua forte manifestazione fuori Montecitorio con gli stivali sporchi di fango, gli stessi usati dai lavoratori che nei campi raccolgono pomodori. Il messaggio era che con Soumahoro entrano in Parlamento i diritti di schiavi, sfruttati, migranti, poveri e discriminati.

Alto rischio

Viviamo in una nazione dove è alto il rischio di criminalizzare e demolire i rappresentanti politici di istanze sociali e di diritti e bisogni collettivi che NON sembrano avere diritto ad alcuna voce di dissenso o costruttiva in un Parlamento votato a ai credi e agli interessi di NATO, USA, potentati, di destre e leghe xenofobe e razziste che accolgono gli interventi dell’On. Soumahoro in aula pure con cori razzisti. Lo stesso inaccettabile razzismo dei commenti sui social sotto ogni discorso o post di Soumahoro, razzismo che mi fa vergognare NEL PROFONDO di essere cittadina italiana.

Temi quali la migrazione, lo schiavismo, il caporalato, il razzismo e la discriminazione razziale non devono avere voce nel Parlamento italiano né una seria e credibile soluzione condivisa con le parti sociali e con le nazioni di provenienza dei migranti, nel pieno rispetto dei diritti umani e senza alcun sfruttamento di una parte, come sta avvenendo da secoli oramai.

Neppure sfugge che l’Italia criminalizzo’ il modello di integrazione realizzato con gli immigrati a Riace, nel sud della Calabria, dall’ex Sindaco Mimmo Lucano. Prima condannato a 13 anni da una sentenza “come Salvini vuole” completamente smontata poi in appello. La stessa Italia dove un innocente come Lucano fu ritenuto colpevole in primo grado dalla “giustizia” e demolito dalla stampa cavalcata dal leghista Salvini che voleva la condanna esemplare. È la stessa Italia dove la veridicità di stampa, giornali e TV è pesantemente messa in discussione se solo pensiamo che è diventata cassa di risonanza inaccettabile delle ragioni insussistenti della feroce, illegittima e potente Israele che sta compiendo un genocidio impressionante del popolo palestinese e di civili indifesi.

Sentenze alterne

La stessa Italia dove, a sentenze alterne, si confondono ingiustizia e giustizia (Mimmo Lucano) con i media che privilegiano la distruzione dell’informazione (conflitto in Medio Oriente) al diritto d’informazione basilare in una società civile. Un’Italia, un’Europa, un mondo dove si demoliscono i rappresentanti dei popoli oppressi piuttosto che l’oppressione a cui sono soggetti i popoli.

FASCISMI, LEGHISMI, SCHIAVITÙ, RAZZISMO, STAMPA E SENTENZE DI TRIBUNALE = un terribile MADE IN ITALY, MADE IN EUROPE, MADE IN WORLD.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Spinelli: "Una serie riflessione sulle politiche migratorie del governo"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.