Il Papa: “Chi presume di essere grande non capirà mai l’amore di Dio”

papa



Quali sono i segni dell’agire di Dio nel mondo? I ciechi che riacquistano la vista, i lebbrosi purificati, i malati guariti, i peccatori perdonati, i morti resuscitati e ogni altro atto di amore che salva e libera e conforta e ristora. E’ così che Egli agisce, così si rivela, dice Francesco dalla finestra dell’Angelus davanti a una piazza piena di sole e di gente, circa 15mila pellegrini,  mentre commenta il Vangelo del giorno in cui Gesù rende lode al Padre perché non si è manifestato ai dotti e ai sapienti piuttosto ai piccoli, i semplici, quelli cioè che hanno il cuore sgombro dalla presunzione e dall’amor proprio e che sanno stupirsi di fronte alla grandezza dell’amore, diversamente da quanti invece sono pieni di sé e guardano solo i propri interessi.

Dio ama, non fa spettacolo

Per questo Gesù loda il Padre, perché la sua grandezza consiste nell’amore e non agisce mai al di fuori dell’amore. Ma questa grandezza nell’amore non è compresa da chi presume di essere grande e si fabbrica un dio a propria immagine: potente, inflessibile, vendicativo. In altre parole, questi presuntuosi non riesceono ad accogliere Dio come Padre; chi è pieno di sé, orgoglioso, preoccupato solo dei propri interessi – questi sono i presuntuosi -, convinto di non aver bisogno di nessuno.

E’ successo a Corazìn, Betsàida e Cafarnao, città ricche del tempo, spiega il Pontefice, dove davanti agli occhi della gente Gesù ha compiuto molte guarigioni, ma succede anche oggi, ogni volta che si resta sordi al Vangelo. Gli abitanti di quelle città hanno interpretato quei segni come “eventi spettacolari, utili per far notizia e alimentare le chiacchiere: esaurito l’interesse passeggero però, li hanno archiviati, magari per occuparsi di qualche altra novità del momento. Non hanno saputo accogliere le grandi cose di Dio”. I piccoli invece le sanno cogliere e accogliere.

Fotografare le opere di Dio e svilupparle come gesti di bene

I piccoli sono quelli che, come i bambini, si sentono bisognosi e non autosufficienti, sono aperti a Dio e si lasciano stupire dalle sue opere. Loro sanno leggere i suoi segni, meravigliarsi per i miracoli del suo amore!

Farci piccoli, ecco la via giusta per cogliere sempre quei gesti d’amore, segni della bontà di Dio, anche in mezzo alla marea quotidiana di notizie che ci sommerge, fotografare nella mente le sue opere, i miracoli di cui – incalza il Papa – la nostra vita è piena!

Di fronte ad essi, però, anche il nostro cuore può restare indifferente e diventare abitudinario, curioso ma incapace di stupirsi, di lasciarsi “impressionare”. Un cuore chiuso, un cuore blindato, non ha la capacità di stupirsi. Impressionare: è un bel verbo che fa venire in mente la pellicola di un fotografo. Ecco l’atteggiamento giusto davanti alle opere di Dio: fotografare nella mente le sue opere, perché si imprimano nel cuore, per poi svilupparle nella vita, attraverso tanti gesti di bene, così che la “fotografia” di Dio-amore diventi sempre più luminosa in noi e attraverso di noi.

Concistoro il 30 settembre e appello per la Terra Santa

Dopo la preghiera mariana il Papa esprime vicinanza alla Terra Santa attraversata da disordini e proteste contro la riforma giudiziaria e i sanguinosi fatti di cronaca dei giorni scorsi nel nord della Cisgiordania con raid aerei su Jenin che hanno provocato 12 vittime palestinesi e un soldato israeliano. In occasione della Domenica del Mare, la giornata internazionale di preghiera che le Chiese dedicano ai marittimi e alle loro famiglie, Francesco rivolge il suo pensiero a quanti lavorano in mare, costretti per settimane e mesi a stare lontano da casa.

Poi il saluto ad alcuni universitari ucraini con il rinnovato appello a far tacere le armi nel Paese dell’Est Europa. Saluti festosi ai polacchi in occasione del pellegrinaggio a Jasna Gòra a Częstochowa. Infine l’annuncio a sorpresa di un Concistoro per la creazione, il prossimo 30 settembre, di 21 nuovi cardinali. “La loro provenienza esprime l’universalità della Chiesa – afferma il Papa – che continua ad annunciare l’amore misericordioso di Dio a tutti gli uomini della terra”.

Fonte: vaticannews.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Il Papa: "Chi presume di essere grande non capirà mai l'amore di Dio"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28043 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.