Nettuno, al via il progetto aiuole e fioriere per la collettività nettunense com i beneficiari del reddito di cittadinanza

Nettuno



E’ stato attivato nel Comune di Nettuno il terzo Puc (progetto utilità collettiva) che punta ad impiegare i beneficiari del reddito di cittadinanza. Dopo i progetti estivi che hanno riguardato la pulizia delle spiagge e la manutenzione e sorveglianza del Forte Sangallo, gli uffici dell’Area servizi sociali unitamente a quelli dell’Area ambiente, hanno varato il progetto “Aiuole e fioriere per la collettività nettunese”.

Le attività riguardano la pulizia e la rimozione dei piccoli rifiuti

Le attività riguardano la pulizia e la rimozione dei piccoli rifiuti che vengono lasciati all’interno delle aiuole o fioriere o comunque trasportati dal vento, nonché la rimozione delle erbe indesiderate. I beneficiari del reddito abbinati al PUC svolgono attività di carattere manuale quali: manutenzione delle aree verdi sul tutto il territorio urbano, piantumazione di nuove essenze vegetali erbacee, annaffiatura di fiori, pulizia quotidiana del centro del paese e delle zone periferiche dello stesso, pulizia e manutenzione dei parchi e delle aree archeologiche, assistenza durante le manifestazioni svolte sul territorio attraverso la sensibilizzazione al riciclo e la raccolta di eventuali residui lasciati durante e dopo l’evento.

Dichiara il Commissario Straordinario Bruno Strati

“Questo progetto – dichiara il Commissario Straordinario Bruno Strati – ha la finalità di rispondere ad un bisogno collettivo di sviluppo e promozione sociale attraverso la tutela dell’ambiente, incrementare il senso di rispetto del proprio territorio e il senso civico e rendere gli spazi collettivi accessibili e più vivibili, sensibilizzando la cittadinanza a rispettare i luoghi comuni e ad assumere comportamenti corretti attraverso una costante manutenzione e cura delle aree destinate al verde pubblico. I beneficiari del reddito di cittadinanza avranno modo di essere parte attività della società e di acquisire competenze e professionalità nello svolgimento di mansioni che possono aumentare il livello di occupabilità in un settore con potenziali opportunità lavorative”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Samantha Lombardi 6381 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.