Giannelli: “Ci aspettiamo classi scoperte a causa dei prof no vax”

Antonello Giannelli



“Da domani i controlli verranno effettuati a mano, ad personam. Cioè, ogni dipendente che entrerà a scuola esibirà il green pass. Fino a quando cominceranno le lezioni ci aspettiamo una frequenza “non piena” da parte dei dipendenti, che invece diventerà massima quando inizieranno le lezioni”. Ad affermarlo è Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale dei dirigenti pubblici e alte professionalità (ANP), che ai microfoni di iNews24.it spiega come saranno organizzate le scuole fino a che non sarà pronta la piattaforma che servirà a validare i green pass, che ha subito un ritardo.

Le parole di Giannelli

“Non ci sono perplessità operative. Le perplessità riguardano il fatto che in questo modo, il personale addetto impiegherà molto tempo a controllare chi sicuramente ha il green pass, dal momento che la maggior parte è vaccinata. Un’app centralizzata invece, permetterebbe di individuare più velocemente chi non è in regola, risparmiando tempo”, spiega Giannelli. Sulla questione dei supplenti che sostituiranno gli insegnanti sospesi, il presidente dell’ANP ha qualche perplessità: “Non abbiamo modo di sapere per quanto tempo il docente titolare non entrerà in classe. Potrebbe accadere che un supplente sia chiamato per un solo giorno e sappiamo che molti non si presenterebbero, perché una supplenza così breve non è appetibile. Sicuramente questo produrrà alcune classi scoperte nella misura proporzionale a quanti saranno gli insegnanti senza il green pass, e dunque un disagio per il diritto allo studio e per la continuità didattica”.

Un’altra preoccupazione per Giannelli, rappresenta i mezzi pubblici

“A scuola, dove sarà possibile, si manterrà il distanziamento e controlleremo che tutti indossino la mascherina. Sui mezzi locali e regionali ci saranno meno controlli, e questo punto rappresenta una criticità dal punto di vista della sicurezza”, mentre per risolvere eventuali ritardi in classe, “abbiamo chiesto corse dedicate che potrebbero risolvere il problema del raggiungimento della scuola in tempo utile senza ricorrere allo scaglionamento degli orari di ingresso”.

Sul caso del collaboratore scolastico che ha aggredito il videogiornalista del quotidiano La Repubblica

“Si parla di percentuali molto basse e questo episodio molto grave è stato compiuto da un solo dipendente, a fronte di molti altri che invece non compiono azioni criminali. Vedremo cosa succederà da domani in poi. Non mi aspetto una reazione di tensione generalizzata. È chiaro che ci sono persone con una visione diversa, ma devono rispettare le regole come tutti”. Infine, sulla petizione firmata da 25mila tra docenti, personale Ata, genitori e studenti contro il green pass, che sarà presentata in Senato e alla Camera dal legale e docente universitario Daniele Granara: “Per noi le leggi si rispettano e fino a che il green pass sarà obbligatorio, non vedo alternative. Tra l’altro noi abbiamo chiesto l’introduzione di una misura di tutela come questa, anche se avremmo preferito l’obbligo vaccinale. Finché il decreto legge sarà in vigore, andrà rispettato. È legittimo che i cittadini raccolgano firme, poi il Parlamento valuterà se modificare o meno il decreto in sede di conversione in legge”.

Fonte iNews24.it


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.