Padova, ancora un B&B abusivo nel mirino della Polizia Locale

padova



Agli uomini della Polizia Locale non è passato inosservato un via vai di cittadini asiatici che dall’imbrunire entrava ed usciva da un edificio in prossimità della Stazione ferroviaria. Così, dopo alcuni giorni di osservazione e controllo, gli agenti del Nucleo controlli abitativi hanno dapprima individuato l’appartamento in questione e ieri hanno proceduto al controllo. Controllo che ha portato alla luce l’ennesimo B&B gestito da cittadini cinesi privo di autorizzazioni.

Dieci le persone trovate all’interno delle sette camere a disposizione degli “ospiti”

Curioso come due di questi abbiano cercato di nascondersi sotto il letto in quanto consapevoli di essere clandestini nel territorio italiano. Entrambi, con precedenti penali per furto e possesso e fabbricazione di documenti falsi, sono stati accompagnati presso gli uffici della Polizia Locale e denunciati in violazione dell’art. 10 bis del D.Lgs 286/98.

Al vaglio la posizione del proprietario dell’appartamento, un cinquantenne di origine cinese, nel merito delle leggi sul favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, proprietario peraltro sanzionato per violazioni amministrative per più di 3.000 euro. Seguiranno ulteriori accertamenti volti a verificare anche la legittimità dell’attività edilizia di ristrutturazione dell’appartamento.

var url188120 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=188120”;
var snippet188120 = httpGetSync(url188120);
document.write(snippet188120);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21882 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.