Il primo fondamento del lavoro è l’uomo

lavoro



Nonostante l’amorosa, materna attenzione verso tutte le categorie di lavoratori da parte della Chiesa, per parecchi decenni, nella prima metà del secolo scorso, l’ideologia marxista, diffusa nei paesi del socialismo reale, ha perpetuato un grave pregiudizio. Lucidamente evidenzia questo pregiudizio Papa Pio XII nel suo incontro con le ACLI in Piazza San Pietro del 1 maggio 1955.

Quante volte Noi abbiamo affermato e spiegato l’amore della Chiesa verso gli operai!

Eppure si propaga largamente l’atroce calunnia che «la Chiesa è alleata del capitalismo contro i lavoratori»! Essa, madre e maestra di tutti, è sempre particolarmente sollecita verso i figli che si trovano in più difficili condizioni, e anche di fatto ha validamente contribuito al conseguimento degli onesti progressi già ottenuti da varie categorie di lavoratori. Noi stessi nel Radiomessaggio natalizio del 1942 dicevamo: «Mossa sempre da motivi religiosi, la Chiesa condannò i vari sistemi del socialismo marxista, e li condanna anche oggi, com’è suo dovere e diritto permanente di preservare gli uomini da correnti e influssi, che ne mettono a repentaglio la salvezza eterna. Ma la Chiesa non può ignorare o non vedere che l’operaio, nello sforzo di migliorare la sua condizione, si urta contro qualche congegno, che, lungi dall’essere conforme alla natura, contrasta con l’ordine di Dio e con lo scopo che Egli ha assegnato per i beni terreni. Per quanto fossero e siano false, condannabili e pericolose le vie, che si seguirono; chi, e soprattutto qual sacerdote o cristiano, potrebbe restar sordo al grido, che si solleva dal profondo, e il quale in un inondo di un Dio giusto invoca giustizia e spirito di fratellanza?» .

In questo spirito di giustizia e fratellanza Papa Giovanni XXIII rileva, cinque anni dopo, il contrasto che certi vorrebbero alimentare fra le condizioni concrete dei lavoratori e il destino spirituale che pertiene ad ogni uomo. Radiomessaggio in occasione della festa di San Giuseppe, 1 maggio 1960. Se male interpretate, le ideologie di ispirazione marxista finiscono per negare al lavoratore la naturale ispirazione umana alla trascendenza:

Purtroppo errate ideologie esaltanti da un lato la libertà sfrenata, dall’altro la soppressione della personalità, hanno cercato di scoronare il lavoratore della sua grandezza, riducendolo ad uno strumento di lotta o abbandonandolo a se stesso; si è voluto seminare contesa e discordia, contrapponendo fra di loro le varie categorie della vita sociale : si è tentato perfino di staccare le masse del lavoro da quel Dio che solo è protettore e vindice degli umili e da cui abbiamo la vita, il movimento e la esistenza, come se la condizione di lavoratori debba esimere dal dovere di conoscerlo, onorarlo e servirlo.

Nessun contrasto invece tra il destino del lavoratore e le aspirazioni spirituali, e Papa Giovanni ribadisce l’affetto della Chiesa per gli operai:

I lavoratori sanno che la Chiesa maternamente li segue con vivo e sollecito affetto: ed è soprattutto vicina a quanti compiono nel nascondimento lavori ingrati e pesanti, che gli altri forse non conoscono o non abbastanza stimano: vicina a chi ancora non ha una stabile occupazione, ed è esposto ad angosciosi interrogativi per l’avvenire della famiglia che cresce: vicina a chi la malattia o la sventura sul lavoro ha dolorosamente provato. Da parte Nostra non lasceremo occasione per invitare quanti hanno responsabilità di poteri o di mezzi, ad adoperarsi affinché sempre migliori condizioni di vita e di lavoro vi siano garantite, e specialmente affinché il diritto ad una stabile e dignitosa occupazione sia assicurato a tutti. E fermamente confidiamo che si sappiano comprendere, con sempre più sollecita sensibilità, le pene dei lavoratori.

Se il lavoro è un valore in sé, sempre più riconosciuto e delimitato entro precisi diritti e tutele, è anche vero che società tese all’iper-produzione e al profitto finiscano per assolutizzarlo a scapito di ben altro. Lo intuisce Papa Paolo VI, in un tempo in cui le rivolte operaie nel mondo rischiano di far perdere di vista la dignità umana a quella classe che si limita a rivendicare diritti salariali, ovvero ad essere ossessionata solo dalla povertà dalle emergenze economiche…. 19 marzo 1969. Festa di San Giuseppe. La povertà non deve spaventarci…

Fonte: vaticannews.it

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22630 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.