Adinolfi: “Superlega: la pandemia ha cambiato i sistemi industriali complessi”

Mario Adinolfi



Mario Adinolfi, presidente del Popolo della famiglia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla Superlega

“Non parlo da tifoso, ma da politico, la vicenda calcistica deve scivolare in secondo piano perché qui abbiamo la prima vera risposta all’economia post-pandemica –ha affermato Adinolfi-. Con la pandemia è cambiato tutto, i sistemi industriali complessi devono riuscire a dare delle risposte.

Il calcio è un sistema industriale complesso che studia i modelli funzionanti, il più grande spettacolo sportivo del mondo si chiama NBA, che è una lega chiusa, ad inviti, che genera denaro immensamente superiore rispetto a quello che genera il calcio. La superlega proposta non ha ancora l’approccio da NBA, ma lo sport professionistico non potrà che andare verso la soluzione NBA. Io preferisco vedere uno spettacolo tra Juve e Manchester Utd, tra Barcellona e Milan piuttosto che guardarmi Crotone-Benevento. Quando guardo il campionato di calcio italiano mi viene una tristezza dal punto di vista della qualità. Poi guardo Psg-Bayern e dico: ecco il calcio!

Quando raccontano che il mondo è diviso tra buoni e cattivi non bisogna crederci. Il calcio è uno sport globale, lo guardano a Shangai, il vero mercato calcistico è di 5 miliardi di potenziali acquirenti dello show, non si può legarli ad Albacete o al quartiere Testaccio dove si tifa per la Roma di Pruzzo e Falcao, sono tempi superati. Florentino Perez lo ha spiegato bene: o è così oppure i grandi club vanno a fondo così come il sistema calcio.

Vogliamo raccontare un romanticismo che non c’è, è un meccanismo malato che non regge. Il sistema del tifoso ha attinto alla necessità di fare l’acquisto forte, a Perez chiedono Mbappè pure se il Real ha 200 milioni di debiti. Vogliamo lo spettacolo? Allora paghiamolo, lo paga JPMorgan.

Ragioniamo da persone libere, quando vedete tutti i potenti di tutti i colori, da Macron a Johnson ai nostri politici, dire la stessa cosa, un sospetto che si stiano toccando degli interessi non vi sorge? La Superlega sarà infinitamente più bello rispetto alla noiosissima Serie A. Se vuoi diventare un marchio globale che fa battere i cuori e sognare per decenni devi costruire qualcosa di globale”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.