Gusmeroli: “Con l’arrivo del vaccino J&J ci sarà la svolta”

Alberto Gusmeroli



Alberto Gusmeroli, deputato della Lega e vicepresidente della Commissione Bilancio alla Camera, è stato ospite del programma “L’imprenditore e gli altri” condotto da Stefano Bandecchi, fondatore dell’Università Niccolò Cusano, su Cusano Italia Tv (canale 264 dtt).

Sul piano di vaccinazione

“Ricordo quando il ministro Speranza è venuto in Parlamento ad elencare il tipo di vaccini acquistati e già allora l’idea era che se c’era un momento di risoluzione non poteva essere quello Pfizer perché è difficile diffondere capillarmente un vaccino che si conserva a -83 gradi, il momento topico secondo me sarà quando avremo a disposizione il vaccino J&J.

Come ha detto il generale Figliuolo, sarà la prima decade di aprile il momento di esplosione della campagna vaccinale, appena arriveranno le fiale di J&J la campagna vaccinale avrà un’impennata, sono ottimista da questo punto di vista. Considerando che dobbiamo escludere tutti quelli che hanno già avuto la malattia perché per 6 mesi hanno l’immunità, poi abbiamo i 4 milioni che già sono stati vaccinati, poi i 20 milioni di giovani quindi con 26 milioni del vaccino monodose di J&J dovremmo essere a posto.

I grandi investimenti devono essere fatti sui medici di famiglia, sulla medicina territoriale, la gente non deve finire in ospedale. Non riesco a capire come non si riesca ad aggredire subito la malattia a casa”.

Sul dl Sostegno

“Abbiamo criticato fortemente la politica precedente dei ristori che era basata sui codici ateco ed ha lasciato tantissime attività senza alcun ristoro. Il fatto di abbandonare i codici ateco e prendere la partita iva è un salto di qualità non indifferente. Sono ottimista sul fatto che il decreto sostegno farà molta giustizia, parliamo inoltre di 11 miliardi quando i primi due decreti ristori erano in totale di 7 miliardi. L’erogazione dei ristori a cura dell’Agenzia delle entrate sarà rapida”.

Sul governo Draghi

“Questo governo è su da un mese, ha fatto fuori il Commissario Arcuri e il capo della Protezione civile. Ha dovuto organizzare i ministeri chiave perché altrimenti il Conte2 prendeva 209 miliardi e li sprecava, i nostri figli avrebbero pagato fino al 2056 soldi sprecati da un governo di incompetenti”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.