Fiasco: “I controlli e le regole perdono significato di giorno in giorno”

Maurizio Fiasco



Il sociologo Maurizio Fiasco è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sui controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle norme anti-covid

“Consideriamo che è più di un anno che siamo coralmente sottoposti ad una sfida, ad una pressione –ha affermato Fiasco-. Abbiamo quindi scoperto che ognuno dipende dagli altri. La questione dei controlli assume un carattere molto diverso se si tratta di controlli a termine o di controlli a tempo indeterminato. Il punto è come noi cittadini percepiamo questi controlli, se come uno strumento per proteggerci o come un’incombenza dalla quale cercare di evadere.

La riduzione dei controlli si deve soprattutto ad una riduzione di significato del mandato che i cittadini conferiscono a coloro che esercitano il controllo. La prima fase della risposta popolare alla pandemia è stata una risposta patriottica. Assembramenti che abbiamo visto in tv e per strada nella prima fase non accadevano perché la cognizione che per uscire da quella situazione occorreva l’autodisciplina di tutti era fortissima. Il cittadino ha sentito la doppiezza dei messaggi e quando i messaggi in questa tragedia sono doppi producono degli effetti”.

Sul post pandemia

“Il dopo va progettato, va delineata una modalità dell’esistenza del dopo, è necessario per la tenuta e per la rapidità della costruzione. Attorno ad alcuni valori condivisi: l’equità, il lavoro, la solidarietà, va costruita una dottrina della ricostruzione. Il buco sta proprio in questo. I controlli e le regole perdono significato di giorno in giorno perché non sono associati alla proiezione di un orizzonte”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.