Scanzi: “Grillo e Crimi stanno sbagliano su tutto”

scanzi



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

La nascita dell’intergruppo al Senato, con dentro M5S, Pd e Leu, è una buona notizia (anche se mezzo Pd è già in rivolta). Una delle poche, nelle ultime settimane, per la vecchia maggioranza giallorosa.
Beppe Grillo ha avuto intuizioni rare negli ultimi decenni, ma è quasi commovente la sua capacità nell’avere sbagliato tutto durante la trattativa (si fa per dire) con Draghi.
Era ed è lecito dire “sì” a Draghi. Ma i 5 Stelle, che avevano il coltello dalla parte del manico, si sono incredibilmente accontentati delle briciole. Facendo poi pure finta di esultare per i grandi risultati ottenuti nella trattativa.

Riassumendo in 11 punti (e qualche bis qua e là)

1. Subito dopo che Crimi aveva sentenziato “Mai con Draghi”, Grillo si lascia folgorare al telefono dallo stesso Draghi per poi incontrare a Roma l’ex presidente della BCE, gestendo in prima persona la trattativa in tandem con Franklin Delano Crimi Roosevelt. Wow.
2. Grillo farfuglia, in un video francamente imbarazzante, che Draghi è grillino e che bisogna appoggiarlo per forza.
3. Grillo ritarda la votazione sulla piattaforma Rousseau, lasciando intendere che si dovrà votare sì solo se Draghi darà al M5S il super ministero supercazzola con tapioca a destra della transizione ecologica. Però come fosse Antani.
3 bis. La formulazione del quesito su Rousseau si rivela imbarazzante. Una sorta di: “Vuoi votare sì o preferisci essere un reietto?”
4. Nasce il governo dei migliori (?) e i 5 stelle non solo hanno la miseria di un ministro in più di Forza Italia e vedono retrocesso Patuanelli, ma non hanno neppure il super ministero. Che peraltro neanche esiste, perché Draghi lo ha spacchettato tra vecchio ministro dell’ambiente, Colao al digitale e il leghista Giorgetti al Mise. Un successone!
5. Di fronte alle critiche (tante) della base e (molte meno) dei parlamentari, che tengono famiglia e quindi al voto non vogliono andare, l’intoccabile Grillo reagisce con post onirici pieni di foto in bianco e nero, citazioni in inglese di Draghi e spruzzate a caso di Andy Warhol.
6. Nel frattempo il ministero (per niente super) non solo non è andato ai 5 Stelle, ma a un renziano. Ovvero Cingolani, noto (?) frequentatore della Leopolda.
7. Ciò nonostante, i profili ufficiali del M5S inseriscono Cingolani nella squadra grillina del governo Draghi accanto a Di Maio, Patuanelli, D’Incà e Dadone. Come se Cingolani fosse un attivista dai tempi dei Meet Up. Una prece.
7 bis. Con vivo sprezzo del pericolo, Crimi va dieci giorni fa da Floris. Ne riceve una macellazione a cielo aperto, sangue ovunque e viscere sul selciato. De Gregorio, Sallusti e quell’altra ancora ridono.
8. Pare peraltro che sia stato proprio Grillo a fare a Draghi i nomi (qualificati, ma certo non grillini) di Colao e Cingolani. Se così fosse, saremmo oltre ogni leggenda politica masochistica.
8 bis. Ah: Cingolani, da grande grillino (inconsapevole) qual è, ha scelto come capo di gabinetto Roberto Cerreto, già capo gabinetto della Boschi. Daje Beppe!
9. Martedì Il Fatto (noto giornale vicino a Renzi) ha scritto che Cingolani sembrerebbe coinvolto in un conflitto di interessi in merito a un finanziamento del 2006 di 3,5 milioni di euro elargito dall’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), all’epoca diretto dallo stesso Cingolani, al laboratorio di nanotecnologie di Lecce diretto dalla sua ex-moglie. Sono passati tanti anni, ma chiarire sarebbe bello (e Cingolani lo farà senz’altro). L’Elevato Grillo ha qualcosa da dire in merito?
10. Di Maio e la maggioranza dei parlamentari, tipo i carneadi Crippa e Licheri (io conoscevo solo Santi Licheri), continuano però a ripetere che Grillo ha sempre ragione. Anche quando ha torto. Un ragionamento davvero granitico.
10 bis. Ieri 15 senatori M5S hanno votato no e 8 si sono astenuti (solo due erano “giustificati”). Tra loro anche alcuni big come Morra e Lezzi. Crimi, dall’alto della sua evanescenza politica, ha appena fatto sapere che verranno espulsi. Ne resterà solo uno: lui.
11. Dopo sedicimila anni di attesa, la piattaforma Rousseau (con affluenza risibile) vota ieri il passaggio dal “leader unico” al “comitato direttivo” composto da 5 elementi. Che bella idea! Una segreteria collegiale e niente “capi”, proprio quando l’unica salvezza per i 5 Stelle sarebbe quella di affidarsi mani e piedi a Giuseppe Conte. L’unico in grado di farli uscire dal sarcofago in cui si sono chiusi da soli. Siete dei geni, boys and girls!
11 bis. L’Elevato Grillo ha poi deciso che, in attesa della nascita del comitato direttivo, Crimi resterà reggente. Ormai Crimi è una sorta di Reggente Perpetuo (cit Lezzi). E in effetti era giusto premiarlo, dopo tutti questi capolavori.

Disastro su tutta la linea

E intanto il Sistema, nel vederli così agonizzanti, se la gode.
Per parafrasare proprio Grillo: “Avanti così. Verso la catastrofe, però con ottimismo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21615 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.