Batosta dell’Antitrust: multa di 12.5 milioni di euro a Eni, Enel e Sen

bollette



Si tratta di una vittoria del Codacons che da anni si batte contro i conguagli illegali e le fatturazioni sbagliate da parte delle società energetiche, e di tutti i consumatori vittime dei soprusi degli operatori. Lo afferma il presidente Carlo Rienzi, commentando la sanzione da 12,5 milioni di euro inflitta dall’Antitrust a Eni, Enel e Sen.

VITTORIA DEI CONSUMATORI E DEL CODACONS CHE DA ANNI SI BATTE CONTRO “GIUNGLA” DEI CONGUAGLI ILLEGALI

“Da anni denunciamo le pratiche scorrette delle società dell’energia per le errate fatturazioni di luce e gas, e per l’odiosa pratica dei conguagli, una vera e propria giungla che nemmeno le novità sulla prescrizione introdotte dalla legge di Bilancio del 2018 hanno saputo districare – spiega Rienzi – Gli operatori hanno continuato a fare il bello e il cattivo tempo, calpestando i diritti degli utenti, e giustamente sono stati oggi sanzionati dall’Antitrust”.

ORA RIMBORSI A UTENTI DOVRANNO ESSERE AUTOMATICI O SCATTERANNO DENUNCE

Ora, ricorda il Codacons, tutti i consumatori coinvolti nella vicenda hanno diritto al rimborso entro 3 mesi per i pagamenti già effettuati a titolo di indebito conguaglio. Rimborsi che, avvisa l’associazione, dovranno essere automatici e senza necessità di richiesta da parte dell’utente, pena una denuncia penale del Codacons contro le società per inottemperanza alle disposizioni dell’Autorità e appropriazione indebita.
Tutti i cittadini che hanno pagato conguagli ingiusti e fatture sbagliate, possono ottenere assistenza dall’associazione alla mail info@codacons.it

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.