PaP: “È ora di invertire la rotta”

pap



Massimo Straccini lavorava per Amazon, con un contratto precario di tre mesi gestito da una agenzia interinale.
La sua storia divenne pubblica a Dicembre quando uno scatto lo catturò, con la sua famiglia, a vivere in un camper di fronte ai magazzini della multinazionale perchè con quel contratto non poteva dare le garanzie per affittare una casa.
A causa di questa denuncia a Massimo non è stato rinnovato il contratto e in una intervista a Repubblica dichiara:
“Il mese scorso ho raccontato la mia vita in camper nel parcheggio dell’azienda, era una critica al sistema di lavoro fondato sul precariato, no ad Amazon”.

E alla domanda su cosa avesse fatto prima di finire nei magazzini di Bezos, risponde:

“Ho lavorato come magazziniere con le cooperative, ma sempre contratti brevi. Prima di andare in Amazon lavavo biancheria ospedaliera: una specie di catena di montaggio. Lì facevano addirittura contratti settimanali. Finivi il venerdì e la sera ti dicevano se lavoravi o meno la settimana successiva”

Precarizzare e flessibilizzare il mercato del lavoro, autorizzare gli appalti di manodopera con le agenzie interinali, svilire e sottopagare i lavoratori e le lavoratrici è ormai la normalità. È ora di invertire la rotta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21427 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.