Fornaro, migranti: “Modifica decreti sicurezza segnale chiaro cambiamento”

fornaro



LeU voterà convintamente il decreto che modifica i cosiddetti decreti Salvini. Lo voteremo perché è il frutto di un lavoro importante e che rispetta uno dei punti qualificanti del programma di Governo nato nel 2019 anche per modificare quelli che erroneamente sono stati definiti ‘decreti sicurezza’ ma che in realtà hanno creato insicurezza nel Paese e, soprattutto rischiavano di portare fuori il nostro Paese dal novero delle nazioni civili. Con questo decreto vorremmo provare ad uscire dalla retorica propagandistica dell’emergenza continua e dare a questo fenomeno una risposta strutturale, nel segno della civiltà e di un Paese ospitale, come è sempre stata l’Italia. Il fenomeno migratorio pone alla società contemporanea problemi di non facile soluzione, rispetto al quale si preferisce ragionare sempre in una logica di tipo emergenziale, dimenticando che il tema delle migrazioni è e rimane uno dei fenomeni della nostra contemporaneità. Questo decreto semplicemente riporta le cose alla normalità, alla normalità di un Paese civile che rispetta le convenzioni internazionali.

Lo afferma in Aula il capogruppo di LeU Federico Fornaro.

L’accoglienza e l’integrazione sono questioni epocali che andrebbero affrontate con una visione ideale e questo decreto va nella direzione giusta, prosegue Fornaro. Abbiamo assistito in questi anni ad una sorta di criminalizzazione del lavoro delle ONG. Ma i nemici non sono le ONG, sono i mercanti di morte, sono quelli che gestiscono i campi di concentramento in Libia, sono quelli che gestiscono le tratte. Il Mediterraneo è diventato la tomba di tante, troppe persone. Le ONG hanno aiutato e aiutano ad evitare che il Mediterraneo diventi la tomba di un’intera generazione di migranti. Noi ripristiniamo un’idea di civiltà: l’idea che il soccorso in mare è un obbligo e non una scelta, che prima si evita la morte delle persone in mare e, poi, si discute se queste persone possono rimanere, nel rispetto delle leggi italiane, nel nostro Paese, e non il contrario. Certo l’Italia non può essere lasciata sola di fronte a questa sfida epocale. Da questo punto di vista, ci sono stati alcuni segnali da parte dell’Ue e della Commissione di cambiamento di rotta, ma noi li riteniamo ancora insufficienti. Sul tema della redistribuzione dei migranti, sul tema del contrasto nei confronti delle organizzazioni criminali, si può e si deve fare di più in una logica che vede il confine italiano non soltanto come un confine nazionale, ma come il confine dell’intera Europa. Con questo decreto si fa un passo in avanti, si dà un segnale chiaro di un cambiamento di prospettiva e di un ritorno alla normalità, conclude Fornaro.

 

Articolo 1 CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.