PaP, in Francia migliaia di persone hanno manifestato per contrastare la deriva liberticida del governo Macron

francia



Ieri in tutta la Francia, migliaia di persone hanno manifestato per contrastare la deriva liberticida del governo Macron.
Circa 25 000 persone si sono riunite ieri a Parigi per denunciare la proposta di “legge sulla sicurezza globale” attualmente in discussione nell’Assemblea, che rinforza per esempio la polizia municipale e la cattura di immagini tramite droni. Il suo articolo 24, molto controverso, sul divieto di diffondere le immagini identificabili degli agenti di polizia, è già stato approvato venerdì sera.
Su richiesta di circa 60 organizzazioni, tra cui la Lega per i diritti umani, Amnesty International, i sindacati dei giornalisti e numerosi media, si sono svolte manifestazioni in tutta la Francia.

Legge denunciata

La legge in questione è inoltre stata denunciata dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, che ha ricordato che “la pubblicazione di immagini e registrazioni relative ad interventi di polizia non solo sono essenziali per il rispetto del diritto all’informazione, ma sono anche legittime nel contesto del controllo democratico”.
Dall’arrivo al potere di Macron, con il pretesto degli attacchi islamisti che il Paese ha subito negli ultimi anni, l’edificio giuridico delle libertà è stato progressivamente eroso in senso autoritario. È del 2017 la legge sulla “sicurezza interna e la lotta al terrorismo”, che ha reso permanente le disposizioni di derogazione ai diritti e alle libertà che caratterizzano lo stato di emergenza; del 2018 sono le leggi su “asilo e immigrazione”, “fake news” e “segreto aziendale”; del 2019 la “legge anticasseurs”, che limita il diritto di manifestare…
Sempre nel 2019, di fronte all’aumento della violenza della polizia contro la mobilitazione dei gilets gialli, il Parlamento europeo, il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa e l’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno denunciato l'”uso eccessivo della forza” e la minaccia da esso rappresentato per il diritto di manifestazione.

Pandemia strumentalizzata

Nel 2020, persino l’utilizzo della pandemia per imporre misure restrittive alle libertà fondamentali attraverso lo stato d’emergenza sanitaria, senza controllo parlamentare e in modo inadatto a combattere veramente la diffusione del virus, è stata molto criticata. Oggi quindi, la legge sulla “sicurezza globale” non fa che continuare a seppellire la democrazia francese. E non finisce qua: sono in preparazione leggi molto controverse sul “separatismo” religioso e sulla ricerca accademica che comportano ulteriori restrizioni – a partire dalle occupazioni nelle università, che verrebbero punite fino a 3 anni di carcere e 45 000 euro di multa.
Libertà di manifestare, libertà d’informazione, libertà di espressione, libertà di associazione, libertà religiosa, libertà di stampa, libertà accademica… Sono innumerevoli i tentativi di minare i principi che in teoria dovrebbero cementare le nostre democrazie.
Rifiutando di discutere le vere cause del terrorismo in Francia – ad esempio il legame tra gli interventi militari occidentali nei mondi musulmani e certi attacchi terroristici – il governo francese sta seppellendo le libertà a favore di una svolta securitaria e conservatrice. Incapace di ottenere consenso, il neoliberismo è sempre più costretto ad adottare una forma autoritaria di governo per proteggere gli interessi di una minoranza.
Di: Aurèlie Dianara

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20001 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.