Il lockdown può essere basato sull’età?

Il lockdown
Foto: dassel / Pixabay



Secondo quanto scoperto dai ricercatori della Big Data in Health Society e quanto effettivamente già affermato dall’ISPI – Istituto per gli studi di politica internazionale, per risolvere una volta per tutte questa situazione e uscire fuori dall’emergenza sarebbe auspicabile la chiusura totale stabilita in diversi tempi, in base alle zone, con la possibilità di tenere in quarantena i più giovani e i più anziani.

Lo dice il ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Antonio Scala, e lo dice anche l’ISPI da tempo: le ricerche effettuate sull’attuale emergenza sanitaria stabiliscono che forse c’è un solo modo per riuscire ad uscire illesi (o quasi) da questa crisi. Bisognerebbe chiudere in vari momenti, in base alla situazione dei diversi comuni, le zone dell’Italia, cercando in tutte le maniere di tenere in casa gli individui potenzialmente più fragili, ossia i bambini e gli anziani.

Questi ultimi in particolare sono le vittime predilette di questa terrificante pandemia, e per questa ragione la loro salute andrebbe preservata in ogni modo, per evitare un gran numero di perdite umane. D’altra parte le persone di una certa età, se costrette a stare in quarantena, potrebbero subire ulteriori effetti collaterali, che vanno ben oltre i sintomi causati dal contagio di questo virus.

Stare troppo tempo a casa, infatti, induce alla sedentarietà e alla drastica riduzione dell’attività fisica, di conseguenza anche alla minore esposizione alla luce del sole, tutte cose indispensabili per mantenere un certo livello di benessere psicofisico.

Per questo, se questo dovesse accadere, e soprattutto in previsione di un lockdown totale prolungato, i medici consigliano l’assunzione di integratori alimentari, come l’MSM (metilsulfonilmetano) che serve alla salute delle cartilagini e la regolare assunzione di vitamina D per sopperire alla minore produzione di calcio del corpo sia per questioni vieta che di esposizione ai raggi ultravioletti.

Ritornando alla soluzione trovata dai medici secondo i dati scientifici rilevati, soltanto una certa categoria di gente dovrebbe essere fatta uscire prima, sempre in base all’età: si parla dei giovani adulti, in particolare.

È necessario prendere queste misure precauzionali adesso, immediatamente, molto prima che la situazione degeneri. Sbagliare i tempi d’azione potrebbe causare una reazione a catena capace di condurci a un totale tracollo, dal quale sarebbe difficile riprendersi.

Di sicuro il tema è molto caldo e molto complesso perché si confrontano e a volte polemizzano, come nel caso del post su Twitter di Giovanni Toti presidente della Regione Liguria, due scuole di pensiero.

Da un lato ci sono una serie di politici, e non solo, che spingono per tutelare esclusivamente le persone anziane, anche perché se si vanno a guardare i dati dei morti, la maggior parte di loro ha un’età superiore ai 70 anni.

La tutela delle persone anziane, ma che significa per loro il divieto di uscire, farebbe si che i più giovani e sani possano uscire e produrre. Allo stesso tempo, dall’altro lato, c’è chi ritiene che questa scelta andrebbe a peggiorare la loro salute mentale e anche fisica e che quindi bisogna ragionare su delle chiusure senza guardare l’età.

Vedremo come si evolverà la situazione:l’auspicio è che la tutela della salute fisica e mentale degli anziani non venga mai trascurata e sottovalutata.

Fonte foto: Foto: dassel / Pixabay

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12916 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.