Di Battista: “E’ inaccettabile scegliere persone sotto processo per cariche importanti”

di battista



Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo, una delle aziende a partecipazione pubblica più grande d’Italia (quasi 14 miliardi di euro di fatturato nel 2019) è stato appena condannato a 6 anni di carcere, 2,5 milioni di euro di multa più l’interdizione dai pubblici uffici per aggiotaggio e manipolazione informativa riguardo i derivati di MPS. Profumo venne confermato lo scorso aprile alla guida dell’ex-Finmeccanica nonostante fosse sotto processo. Anche Descalzi, attuale AD di ENI, è sotto processo per corruzione internazionale.

Opportunità politica

Non so come andrà a finire il processo a Descalzi (ritengo che i suoi conflitti di interesse già fossero ampiamente sufficienti per scongiurare la sua riconferma) ma il punto qui è un altro. Come dissi ampiamente mesi fa (privatamente e pubblicamente) è inaccettabile scegliere persone sotto processo per cariche così importanti. Si chiama opportunità politica oltre che rispetto dei valori del M5S. E non si tratta di essere garantisti o forcaioli. Profumo è innocente fino a sentenza definitiva e ha tutto il diritto di ricorrere in appello. Ma, per adesso, è un condannato in I grado. Può, per opportunità politica, continuare a guidare un’azienda come Leonardo? Secondo me no. Ecco perché insistemmo mesi fa sul punto delle nomine. Spero che, alla luce di quel che è successo oggi, la lezione sia servita.
P.S. Anche per questo ieri abbiamo proposto nell’agenda 2020-2030 che le nomine siano responsabilità di tutto il Movimento e non solo dei portavoce al governo. Perché un Movimento forte che, da fuori, sappia dire stop a incarichi pubblici per chi è sotto processo, contrariamente a quel che qualcuno sostiene, rafforzerebbe il Movimento al governo.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23714 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.