Dal Canada i piastrini i di due soldati italiani della II guerra mondiale

canada



Due piastrini identificativi di soldati italiani torneranno a casa. Erano in Canada custoditi tra  gli effetti personali di Lawrence John Scott caduto in Italia nel 1943, a soli 19 anni.  Nato a Toronto nel maggio 1924 Lawrence scappò di casa nell’agosto 1941 per unirsi al Royal Canadian Regiment a London, Ontario. Aveva  17 anni e mentì sull’età per arruolarsi. La sua unità sbarcò in Sicilia il 10 luglio 1943 e poi a Reggio Calabria il 3 settembre 1943. Il 18 dicembre 1943 venne ucciso in azione nei pressi di Ortona. Inizialmente sepolto ove perse la vita, il suo corpo  giace con i compagni d’armi nel “Moro River Canadian War Cemetery”ad Ortona.

Il nipote

È il nipote Peter Churcher a  trovare tra i ricordi dello zio i  piastrini  italiani e decidere che debbano essere restituiti alle famiglie; appartengono a due soldati molisani, entrambi della provincia di Campobasso: Zullo Antonio di Bagnoli al Trigno e Camino Angelo di Petrella Tifernina. Qualche mese fa l’appello sui social viene accolto  da Maurizio De Angelis presidente del “Gruppo  Ricerche Storiche”. Esperto in rilevamenti di materiale bellico tramite metal detector, il gruppo romano ha nel curriculum oltre un centinaio di piastrini di diverse nazionalità restituiti alle famiglie. Con l’associazione “Un ricordo per la pace” è impegnato anche nel  progetto “MIA” acronimo di “Missing in action”, la ricerca dei dispersi nei combattimenti post Sbarco di Anzio durante la seconda guerra mondiale.

De Angelis inizia subito le ricerche in Comuni e archivi, ma senza successo. A quel punto è Marco Bruno dell’associazione “Combact Road” di Isernia ad intervenire dopo la lettura di alcuni post sulle pagine facebook del Gruppo. In poco tempo Bruno riesce a prendere contatti con Mariantonietta, nipote di Angelo Camino, che attende ora con trepidazione di avere tra le mani il piastrino del nonno, deceduto 30 anni fa. Camino, Tenente del 2° Rgt Bersaglieri, era stato catturato l’8 settembre 1943 dai tedeschi a Tebe sul fronte greco ed internato nello Stalag V A in Germania.

Quella di Antonio Zullo, secondo piastrino, è una storia differente, i cui dettagli emergeranno dalla consultazione del foglio matricolare. “Con certezza è possibile affermare che è un disperso”, riferisce De Angelis.

La famiglia ancora non è stata rintracciata

I piastrini dei due militari sono partiti per l’Italia. Per quello di Camino è prevista la consegna alla nipote nel museo “Combact Road” a Cerasuolo (IS).

Per gli eredi dell’IMI Angelo Camino un’ulteriore sorpresa. L’associazione “Un ricordo per la pace” impegnata da oltre 10 anni nel progetto “Memoria agli IMI” (Internati Militari Italiani) si è  attivata affinché possa ottenere il conferimento della Medaglia d’onore. L’onorificenza è concessa con Decreto del Presidente della Repubblica a titolo di risarcimento morale per i militari o civili italiani che per fedeltà alla Patria dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 preferirono la prigionia nei lager nazisti alla collaborazione con la Germania.

(foto  https://www.facebook.com/grupporicerchestoriche/)

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20001 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.