Italia nel fanalino di coda per l’apprendimento online

Italia



Nel corso degli ultimi mesi segnati dall’emergenza COVID, il nostro paese ha affrontato importanti sfide alle quali non eravamo necessariamente preparati adeguatamente. Senz’altro durante il lockdown si sono evidenziate le potenzialità dell’apprendimento online anche se non tutti erano attrezzati. Basti pensare che solo il 72.5% degli studenti ha avuto a disposizione un computer a casa.

Come sappiamo bene, la spesa pubblica destinata alla scuola e all’istruzione è in contrazione negli ultimi anni portandoci al terzultimo posto in Europa per spesa per singolo studente con il 24.3% del PIL pro capite.

Un’analisi più approfondita della situazione

Prendendo spunto dalla situazione degli ultimi mesi, Preply, la piattaforma dedicata all’apprendimento digitale, ha iniziato uno studio che esamina l’esistenza di condizioni basilari per e-learning e l’educazione digitale in 30 paesi a livello globale.

Alla base delle osservazioni fatte sono stati lo stato delle infrastrutture digitali e le condizioni di coloro che lavorano nel settore dell’apprendimento online.

“Siamo convinti che l’e-learning abbia un grande potenziale per migliorare le opportunità educative a livello globale,” ha detto Kirill Bigai, CEO di Preply. “La pandemia da Coronavirus ha fatto emergere come le opportunità di insegnamento a livello digitale siano ancora mal distribuite. Ma ci sono discrete opportunità per cominciare a investire nelle infrastrutture digitali necessarie per la conversione verso l’apprendimento online. Questo è lo scopo dello studio: scoprire in che misura gli studenti hanno accesso a quegli strumenti e quelle risorse digitali adeguate allo scopo.”

Andando ad osservare le graduatorie finali, l’Italia arriva solo al 22esimo posto in classifica dietro a molti altri paesi europei. In particolare, il gap si è evidenziato sulla in media lenta connessione internet (60 Mbit al secondo) rispetto ad altri paesi come Spagna e Francia che hanno velocità anche doppie.

Anche la retribuzione dei tutor online potrebbe essere migliore: con 17 euro all’ora siamo più o meno allo stesso livello di Olanda e Svezia, mentre ci poniamo a metà strada tra i 29 euro di Danimarca e gli 11 euro all’ora spagnoli.

Cliccando qui si potrà trovare una panoramica di tutti i dati, la metodologia e le fonti per una lettura più attenta ed una analisi più dettagliata dei risultati.

 

Posizione Nazione Accesso al computer Internet a banda larga

 

Tutoring – retribuzione oraria Punteggio
1 Norvegia 94.9% 127.2 Mbit/s 22.52 € 100.0
2 Danimarca 93.1% 141.7 Mbit/s 29.39 € 994
3 Svizzera 90.3% 155.9 Mbit/s 29.13 € 95.4
4 Lussemburgo 95.4% 114.3 Mbit/s 25.00 € 94.4
5 Olanda 97.6% 112.8 Mbit/s 18.00 € 84.8
6 Svezia 92.8% 141.7 Mbit/s 16.89 € 79.0
7 Austria 85.4% 56.5 Mbit/s 20.00 € 75.8
8 Nuova Zelanda 80.0% 114.8 Mbit/s 16.77 € 73.8
9 Finlandia 93.5% 91.9 Mbit/s 19.00 € 71.0
10 Australia 82.4% 45.9 Mbit/s 18.23 € 67.7
22 Italia 72.5% 60.0 Mbit/s 17.00 € 41.0

All’interno di questo contesto, la piattaforma di apprendimento online Preply si impegna ad offrire ai propri studenti tutor certificati all’insegnamento di lingue straniere che meglio vanno a matchare il budget a disposizione, le fasce orarie preferite e il livello di partenza.

Con ben oltre 2 milioni di lezioni erogate a partire dal 2013 e 15.000 tutor attualmente attivi, questa piattaforma senza dubbio rappresenta una interessante opzione per coloro che intendono imparare una seconda lingua online.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.