PaP, il crimine si combatte con scelte politiche inclusive e assistenziali, non con la punizione

crimine



In Italia il diritto, soprattutto dopo i provvedimenti Minniti e i decreti sicurezza targati Salvini, è sempre più criminogeno.

Molti, troppi sono i detenuti rinchiusi nelle carceri, e troppi gli stranieri rinchiusi nei centri di accoglienza. La disoccupazione e la clandestinità condanna molte persone a entrare e a uscire nelle prigioni e in strutture detentive o paradetentive. Più di 800 sono i detenuti condannati a pene minori di un anno; più di 2000 sono quelli che devono scontare pene minori di tre anni.

Moltissimi sono gli stranieri nei centri di accoglienza che spesso versano in condizioni inumane.

Cosa offre la nostra società a queste persone? Nulla. Nessuna garanzia di una vita “normale”, e così una volta fuori, i cancelli delle carceri torneranno ad aprirsi, trasformandosi in porte girevoli.

Negli ultimi mesi il numero dei detenuti, dice il Garante, è calato perché i magistrati di sorveglianza hanno applicato meglio le norme vigenti. Questo è sicuramente un bene, ma bisogna fare di più.
Abbiamo bisogno di provvedimenti eccezionali: abolire i decreti sicurezza, abolire il reato di clandestinità, prevedere percorsi di vero inserimento sociale e lavorativo per tutti quelli che sono in difficoltà.

Il crimine si combatte con scelte politiche inclusive e assistenziali, non con la punizione!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20499 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.