Non scatta il licenziamento a seguito di offese al superiore nella chat privata di WhatsApp



Una sentenza che mette un ulteriore tassello sulle conseguenze che derivano da una chat privata di WhatsApp se usata impropriamente.

In particolare non va licenziato il lavoratore che scrive frasi offensive nei confronti del datore di lavoro, appunto nella chat privata di WhatsApp.

Tale decisione è stata presa dal Tribunale di Firenze, nella funzione di Giudice del lavoro, nella sentenza 16 ottobre 2019.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21894 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.