Un ricordo per la pace: omaggio al memoriale E. F. Waters



Si sono svolte martedì 21 gennaio ad Aprilia e Lanuvio le commemorazioni del 76esimo
anniversario dello Sbarco Alleato. Le cerimonie inserite nel circuito celebrativo dello Sbarco
Alleato, avvenuto sul litorale di Anzio e Nettuno il 22 gennaio 1944.
Dopo la cerimonia a Campo di Carne presso il Monumento “Graffio della Vita” la seconda tappa
del cerimoniale si è tenuta in località Pontoni presso il Memoriale dedicato al Tenente dei Fucilieri
Britannici Eric Fletcher Waters ed ai Caduti senza sepoltura del 1944. Le celebrazioni si sono
concluse a Lanuvio presso il Monumento ai Caduti.

Caduti senza sepoltura

ll Memoriale in località Pontoni di Aprilia è dedicato al Tenente dei Fucilieri Britannici Eric
Fletcher Waters ed ai Caduti senza sepoltura del 1944 e venne inaugurato il 17 febbraio 2014 in una
cerimonia privata cui partecipò il figlio, la rockstar Roger Waters, che ivi piantò una pianta di ulivo,
simbolo di pace. Eric morì ad Aprilia il 18 febbraio 1944 nel corso dei cruenti combattimenti
avvenuti intorno al fosso della Moletta; il corpo disperso come quello di molti altri soldati degli
opposti schieramenti..
Come consuetudine a termine della cerimonia istituzionale Elisa Bonacini presidente di “Un ricordo
per la pace” ha deposto un omaggio floreale presso il memoriale; sul nastro anche il nome del
veterano britannico Harry Shindler rappresentante in Italia della “ITALY STAR ASSOCIATION
1943-1945”.
Shindler e Bonacini di “Un ricordo per la pace” sono i promotori dell’iniziativa dei due monumenti
ad Aprilia in memoria di Eric Fletcher Waters e dei Caduti dello Sbarco rimasti senza sepoltura.
Realizzati dal Comune di Aprilia, il primo in via dei Pontoni, l’altro in via Carroceto nel piazzale
dell’I.I.S. “C. e N. Rosselli” (ora Liceo “A. Meucci”) istituto che già ospitava dal 2013
l’esposizione “Un ricordo per la pace”(collezione Bonacini) sul tema “Aprilia in guerra: la Battaglia
di Aprilia”, mostra patrocinata dal Comune di Aprilia.
I memoriali vennero inaugurati il 17 e 18 febbraio 2014 alla presenza delle autorità locali e di
rappresentanti delle Ambasciate britanniche, statunitensi e canadesi.

L’ORIGINE DEI MEMORIALI E. F. WATERS AD APRILIA

Già promotori nel 2012 dell’istituzione della giornata commemorativa della Battaglia di Aprilia,
identificata al Comune di Aprilia nel 28 maggio di ogni anno, il veterano britannico Harry Shindler,
classe 1921, ed Elisa Bonacini di “Un ricordo per la pace” svilupparono a fine 2013 il progetto dei
memoriali dedicati a E.F.Waters ed ai Caduti senza sepoltura del 1944.
L’idea prese corpo dopo che Shindler, grazie al ritrovamento della documentazione militare
britannica individuò il punto nelle campagne di Aprilia in cui Eric perse la vita il 18 febbraio 1944.
Alle ricerche ed alla localizzazione del punto X diede un forte contributo l’Associazione “Un
ricordo per la pace” in collaborazione con il Comune di Aprilia, che mise a disposizione le odierne
carte territoriali.
Era stata Elisa Bonacini ad iniziare nei primi mesi del 2012 le indagini su Eric Fletcher Waters,
erroneamente ritenuto morto ad Anzio. L’input era stata una segnalazione pervenutale da R.C.
anziana signora di Anzio, testimone dello Sbarco. La signora sosteneva di conoscere il luogo di
sepoltura di Eric indicando un punto preciso del litorale anziate; la testimonianza raccolta in un
filmato. Ne parlò con Harry Shindler con il quale stava organizzando un convegno. Nonostante le
dichiarazioni della signora di Anzio si fossero rivelate di poco fondamento, la Bonacini il 20 aprile
2012 volle comunicare la notizia al figlio Roger Waters con una e-mail sul suo forum ed un twitt in
cui segnalava l’attività dell’amico Harry Shindler, da molti anni impegnato nelle ricerche sui soldati
alleati dispersi in guerra. La risposta arrivò presto, il 22 aprile 2012 alle ore 15:04.

È Elisa a raccontare quei momenti

Mi arrivò una e-mail da un certo J. da New York, che si qualificò essere
parte dello staff di Roger Waters. Comunicava di avere ricevuto la nota relativa al padre di Roger e
di volere i miei contatti telefonici per maggiori informazioni. Dopo avere verificato l’attendibilità di
quella e- mail risposi: “J.., ho informato Harry Shindler, veterano inglese di 91 anni che si impegna
nella ricerca di informazioni sui soldati dispersi. Aspetta la tua telefonata”. Sebbene la motivazione
fosse solo un pretesto, quella telefonata ad Harry avvenne e ne seguirono molte altre dello stesso
Roger Waters che gli diede il consenso ad indagare sul padre ed a richiedere le documentazioni
militari custodite negli archivi britannici a Londra. Ero così soddisfatta di essere riuscita nel mio
intento di mettere in contatto le due parti ed ero sicura che Harry, che non conosceva neppure una
canzone di quegli strani “FLUIDI ROSA”, come li aveva definiti, avrebbe preso a cuore il “caso
Waters”, così come accadeva per tutti gli altri, di persone comuni intendo. Tra i due si creò un bel
rapporto di amicizia tanto da convincere la rockstar a presenziare alle cerimonie di inaugurazione
dei memoriali ad Aprilia, un evento di clamore mondiale. Un po’ quello che sognavo io”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22316 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.