Come trasferire denaro dall’Italia all’estero

Come trasferire denaro dall'Italia all'estero



Stai pensando di trasferire la tua residenza all’estero o, più semplicemente, sei interessato ad un investimento in un Paese straniero? Sono sempre più gli italiani che, per un motivo o per un altro, pensano o provano a trasferire denaro all’estero: si tratta di un’operazione del tutto legale, purché si agisca in conformità alle leggi vigenti e si scelgano metodi autorizzati. Per approfondire l’argomento, ecco tutto quello che occorre sapere per trasferire denaro dall’Italia all’estero.

 Cosa dice la normativa fiscale?

Quando si vogliono spostare fondi all’estero è opportuno tenere in considerazione che esistono alcune norme specifiche, italiane o europee, che disciplinano questa operazione, in modo da assicurare che questa avvenga in modo corretto e per smascherare possibili tentativi di frode o evasione. Va detto, in prima battuta, che tutti i Paesi (o quasi) permettono ai propri cittadini di trasferire il proprio denaro dove preferiscono: anche l’Italia non fa eccezione.

Tuttavia, è necessario precisare che il presupposto di liceità del trasferimento di denaro all’estero è la provenienza lecita di quest’ultimo: si può trattare di risparmi, di un’eredità, di una vincità e, in ogni caso, di un patrimonio che l’interessato ha guadagnato lecitamente. Se sussistono queste condizioni, non vi sono grandi ostacoli per trasferire soldi all’estero, purché si rispettino alcune delle regole che illustreremo a breve.

Un altro fattore che occorre chiarire riguarda le possibili motivazioni del trasferimento di denaro. Posto che chiunque può trasferire il proprio denaro ovunque, le “causali” che molto spesso si accompagnano a questa decisione sono prese in considerazione dalla legge per giustificare l’operazione. Ad esempio, si può avere l’esigenza di dirottare il risparmio in un Paese straniero che offre maggiore convenienza politica ed economica; allo stesso modo, è possibile trasferire soldi all’estero per effettuare un investimento finanziario o immobiliare a rendimenti più elevati che in Italia; oppure, più comunemente, può capitare di dover spostare i risparmi verso un determinato paese in vista del trasferimento di residenza verso quest’ultimo.

Sussistendo motivazioni di questo tipo, non vi sono particolari limiti alla possibilità di spostare i propri capitali all’estero, in tutto o in parte. Rispettando le normative previste per ogni differente modalità di trasferimento denaro, infatti, si evita ogni tipo di problema con l’autorità fiscale italiana. Viceversa, una finalità meno “tipica” potrebbe facilmente insospettire l’amministrazione, che potrebbe disporre controlli, sanzioni e indagini sospettando che il trasferimento mascheri obiettivi illeciti, come il riciclaggio di denaro o l’evasione fiscale. 

Quali alternative per trasferire denaro all’estero?

Chiarite a grandi linee le condizioni che legittimano lo spostamento di capitali all’estero, bisogna specificare che esistono di fatto tre modalità principali per trasferire denaro: lo spostamento fisico di denaro contante, il trasferimento in modalità bancaria e quello effetuato tramite intermediari (società di money transfer).

In dettaglio, la modalità più semplice è senz’altro quella del passaggio di denaro contante alla frontiera. In questo caso, però, è opportuno osservare le norme nazionali e comunitarie che regolano l’operazione. La disciplina in questione prevede che chi voglia trasferire contanti all’estero per un valore pari o superiore a 9.999,99 euro è obbligato a rilasciare apposita dichiarazione all’autorità fiscale competente: Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane o Guardia di Finanza. L’omesso avviso dà luogo all’applicazione di sanzioni amministrative particolarmente severe, che vanno dal 10% al 50% dell’importo trasferito a seconda dell’entità della cifra.

Se, invece, il trasferimento riguarda una somma inferiore al limite fissato non vi sono formalità particolari da seguire. Tuttavia, è comunque preferibile dichiarare all’autorità la movimentazione dei contanti, così da prevenire possibili contestazioni successive.

Una modalità meno problematica per il trasferimento di fondi all’estero è quella che si avvale dei canali bancari: sono molti gli istituti di credito che permettono ai clienti di eseguire bonifici da e verso l’estero. In questo caso, peraltro, dal momento che il trasferimento contabile è tracciabile, non è necessario eseguire alcuna dichiarazione all’autorità. 

Il trasferimento denaro all’estero tramite intermediari specializzati

Un’alternativa ancora più semplice e diffusa del trasferimento bancario è quella che contempla la prestazione del servizio di money transfer da parte di un intermediario specializzato, come Transferwise. La convenienza di questa scelta si giustifica non soltanto nelle differenti condizioni economiche che le diverse società praticano per attrarre investitori, ma anche nel fatto che, in questo modo, si affida all’intermediario la gestione degli adempimenti burocratici necessari: in tal modo, l’alternativa in questione si rivela ideale per i risparmiatori meno esperti della normativa vigente.

Altro vantaggio offerto dagli intermediari è rappresentato dalla possibilità di depositare il denaro, per costituire la provvista da trasferire all’estero, con molteplici modalità: di persona, tramite la propria banca oppure online, utilizzando le applicazioni o i portali web della compagnia. Una volta affidato alla società, il destinatario potrà ritirare il denaro presso qualunque punto vendita nel mondo. Occorre precisare che, anche in questo caso, esistono dei vincoli: in particolare, la legge stabilisce un importo massimo che si può trasferire ogni sette giorni, pari a 999 euro.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12852 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.