Roma, 19enne rapinava ragazzini con altri due minori

polizia



Al termine di una complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Monte Mario hanno eseguito, ieri, un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di D.B, 19enne residente in zona Balduina, per il reato di rapina aggravata in concorso.

Il giovane, con la complicità di due ragazzi ancora minorenni, si era reso responsabile nei mesi precedenti di rapine ai danni di coetanei, anch’essi residenti nel quartiere.

Il modus operandi

Il modus operandi era sempre lo stesso: le giovanissime vittime venivano accerchiate in luoghi isolati e costrette a consegnare soldi e oggetti di valore,  e minacciate di ritorsione in caso avessero provato a denunciare l’accaduto.

Nonostante la paura, i ragazzi si sono confidati con i genitori che li hanno accompagnati negli Uffici del Commissariato di zona per formalizzare insieme la denuncia, consentendo così l’avvio delle indagini.

Le indagini

Gli investigatori hanno accertato, inoltre, che il 19enne e i suoi complici avevano preso di mira anche un negoziante straniero delle zona, presso cui consumavano abitualmente merce senza pagare.

Il negoziante per mesi era stato regolarmente aggredito ed insultato con epiteti razzisti. Per intimorirlo e sottrargli la merce, gli dicevano di essere collegati a pericolose bande criminali, minacciandolo poi di ritorsioni.

Al termine delle indagini,  i poliziotti sono riusciti a rintracciare ed identificare  il ragazzo, conosciuto come il “nero della Balduina”, e ad attribuirgli alcune delle sue azioni criminose, consentendo così alla Procura di raccogliere sufficienti elementi per l’adozione di una misura cautelare, per il reato di rapina e violazione della legge sulla discriminazione razziale.

Le indagini proseguono per individuare i complici.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.