Pomezia, sorpresi minori e lavoratori “in nero” in due sale scommesse

guardia di finanza roma fiumicino



Numerose sale scommesse sono state ispezionate dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, che hanno trovato, in due esercizi, tre minorenni intenti a scommettere su competizioni sportive e due lavoratori “in nero”.

I controlli

I militari della Compagnia di Pomezia sono entrati in azione individuando, nelle adiacenze di essi, giovanissimi giocatori in possesso delle ricevute delle scommesse effettuate.  Una volta entrati, l’attività ispettiva è stata estesa alla verifica della posizione dei dipendenti, da cui è emersa la mancata assunzione di due di essi, benché impiegati dal 2016.

Ai titolari delle due attività sono state contestate violazioni amministrative, con sanzioni ammontanti a oltre 12 mila euro per la presenza dei minori e a circa 30 mila per i lavoratori “in nero”, cui si aggiungerà la sospensione della licenza da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

L’operazione rientra nel piano di controlli predisposto dalla Guardia di Finanza a tutela della sicurezza dei cittadini, con particolare attenzione ai minori, e al contrasto del lavoro “sommerso”, nella considerazione che lo sfruttamento della manodopera, oltre a ledere i diritti dei lavoratori, privandoli delle tutele assistenziali e previdenziali, genere situazioni di concorrenza sleale a danno delle imprese che operano nella legalità e nel rispetto del cittadino-consumatore.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.