Il Codacons deposita esposto in Procura contro ArcelorMittal



E’ stato inviato oggi alla Procura della Repubblica di Taranto l’esposto del Codacons contro ArcelorMittal dove, alla luce delle dichiarazioni dell’azienda circa la chiusura dell’Ilva, si chiede di avviare una indagine per le possibili fattispecie di violenza ad organo collegiale e tentativo di estorsione.

Si legge nell’esposto dell’associazione:

“alla luce di quanto emerso si renderebbe necessario, opportuno e doveroso un intervento da parte della Procura adita proprio per una tutela complessiva della democraticità, del Parlamento, del Governo, e a tutela anche di tutti i lavoratori dell’Ilva […] Non si può infatti subordinare la chiusura, l’apertura di un’impresa o la rescissione di un contratto alla modifica di una legge dello Stato o per impedire un provvedimento legittimamente adottato da un magistrato penale, perché tale minaccia può configurare un tentativo di estorsione e una violenza ad un organo collegiale”.

CHIESTO DI INDAGARE PER VIOLENZA A ORGANO COLLEGIALE E TENTATA ESTORSIONE

Il Codacons ha chiesto quindi alla Procura di “valutare profili di responsabilità a carico di tutti coloro che dovessero essere individuati come responsabili di fattispecie penalmente rilevanti quali la violenza a organo collegiale, reato di tentata estorsione ai danni del Governo e ogni altra fattispecie che la S.V. dovesse ravvisare, chiedendo l’esercizio penale nei confronti di chi verrà accertato responsabile”.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.