Papa: “Ascoltare il grido dei poveri”



Nell’ omelia della Messa di chiusura del Sinodo per l’Amazzonia, Papa Francesco sottolinea che per praticare la “religione di Dio” e non quella “dell’io” dobbiamo riconoscerci poveri dentro, e fare nostro il loro grido, così la nostra preghiera “salirà dritta a Dio”.

Dimenticano che il vero culto a Dio passa attraverso l’amore del prossimo

Per praticare la “religione di Dio” e non quella “dell’io” dobbiamo riconoscerci poveri dentro, bisognosi di misericordia e “frequentare i poveri, per ricordarci che solo nella povertà interiore agisce la salvezza di Dio”. Nel Sinodo per l’Amazzonia “abbiamo avuto la grazia di ascoltare le voci dei poveri”, il loro grido, che “è il grido di speranza della Chiesa”.

Facendolo nostro, “anche la nostra preghiera attraverserà le nubi” e salirà dritta a Dio. Sono le parole di Papa Francesco nell’omelia della Santa Messa di chiusura dell’assemblea speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica, concelebrata nella Basilica di san Pietro con i 184 padri sinodali e molti degli uditori, degli esperti e degli invitati speciali.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 16702 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.