Scordamaglia: “Si perde consenso contrastando l’evasione”



Luigi Scordamaglia, Coordinatore di Filiera Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sull’evasione fiscale

“E’ ovvio che sia sacrosanta la lotta all’evasione –ha affermato Scordamaglia-, però non dimentichiamoci che di quei 100 miliardi di evasioni, i grandi evasori rappresentano si e no 12 miliardi. Ci sono settori di questo Paese, città di questo Paese, dove trovare un cameriere che venga pagato regolarmente è molto difficile. C’è da affrontare un’evasione diffusa fatta da tanti piccolissimi che fa comodo ignorare per dire che si fa la lotta ai grandi evasori. Si perde consenso contrastando l’evasione, bisogna fare un patto, chi fa sul serio la lotta all’evasione poi non si ricandida, lo fa solo nell’interesse del Paese”.

Sul taglio del cuneo fiscale

“Giusto far arrivare più soldi in busta paga per rilanciare un po’ il mercato interno. Certo, 500 euro all’anno è molto poco. Sul cuneo bisogna investire di più”.

Sull’impatto dei dazi americani

“Le conseguenze sono pesanti. Adesso sento dire che non c’è andata così male, in realtà i prodotti colpiti sono colpiti drammaticamente. E hanno colpito quei prodotti che vogliono taroccare. Con falso marchio made in Italy vengono prodotti 190 miliardi di kili di parmesan. E hanno avuto anche l’arroganza di dire: un giorno quei prodotti taroccati vogliamo esportarli in Italia”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.