Viminale, entra in un ristorante ma anziché cenare ruba la borsa ad una cliente

polizia



Nella serata di lunedì scorso,  durante un servizio di controllo del territorio, gli investigatori del commissariato Viminale hanno individuato, anche grazie alla segnalazione di alcuni camerieri di un ristorante della zona, il ragazzo responsabile di una tentata rapina avvenuta nei giorni scorsi.

A.M. è stato quindi fermato dagli agenti della Polizia di Stato che lo hanno accompagnato negli uffici per ulteriori accertamenti, dai quali è emerso che aveva svariati pregiudizi di polizia per reati analoghi.

La denuncia

Nel frattempo, anche il titolare del ristorante si è recato in commissariato dove ha
raccontato che, qualche sera prima, il 20enne era entrato nel locale e, aggirandosi tra i
tavoli, aveva rubato la borsa ad una cliente e poi aveva cercato di scappare, rompendo
un bicchiere per poi utilizzarlo per ferire ad un braccio il proprietario. Nella colluttazione il
malvivente aveva lasciato cadere la borsa ed era poi riuscito a fuggire.

Visti i risultati degli accertamenti ed il riconoscimento del giovane da parte dei camerieri e
del proprietario, A.M. è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e l’Autorità Giudiziaria
ha disposto che fosse portato a Regina Coeli in attesa della convalida, avvenuta nella giornata
di ieri

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 5999 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.