Calo delle presenze presso gli stabilimenti balneari



Il calo delle presenze presso gli stabilimenti balneari a giugno e luglio non è da attribuire solo alle condizioni meteorologiche. Lo afferma il Codacons, che punta il dito sulle tariffe praticate dai lidi italiani.
“Ad allontanare le famiglie dalle spiagge è anche il fenomeno del caro-prezzi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Oggi infatti andare al mare ed affittare lettini, sdraio e ombrelloni risulta sempre più dispendioso, soprattutto se alle tariffe praticate dagli stabilimenti si aggiungono i costi della benzina per raggiungere le località di mare, quelli per cibo e bevande acquistate ai lidi, ecc. Gli aumenti dei prezzi praticati dagli stabilimenti balneari sono stati quest’anno contenuti, e nell’ordine del 2%-2,5%, ma in ogni caso le tariffe nel nostro paese risultano più elevate rispetto alla media europea. Per affittare un ombrellone e due lettini in alcune spiagge rinomate si arriva a spendere anche 50 euro al giorno, non considerando ovviamente le tariffe record praticate nei lidi “vip”, dove si arriva a spendere più di 1.000 euro al giorno”.
“E’ vero che oggi gli stabilimenti offrono sempre più servizi e ciò comporta un costo maggiore per gli operatori, ma la crescita delle tariffe registrata negli ultimi anni spinge inevitabilmente le famiglie a rinunciare al mare, o scegliere soluzioni alternative come spiagge libere o piscine in città” – conclude Rienzi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20938 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.