Aprilia, “Storia, memoria e oblio dell’Internamento”



Mercoledi 11 luglio a Roma presso il Museo ANRP “Vite di IMI 1943-1945” si è tenuto il
convegno/esame sul tema “Storia, memoria e oblio dell’Internamento”.
Gli studenti dell’Università “La Sapienza di Roma” che hanno frequentato il corso di “Storia
Sociale e Culturale” del Prof. Luciano Zani per il conseguimento della Laurea Magistrale in Scienze
Sociali Applicate (facoltà di Scienze Politiche) hanno discusso le loro relazioni sugli Internati
Militari Italiani nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale.
L’evento in collaborazione con ANRP (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia,
dall’Internamento, dalla Guerra di Liberazione e loro familiari) che ha fornito ai ragazzi importante
materiale d’archivio.
Un folto pubblico tra cui molti familiari di internati ha seguito con attenzione le esposizioni dei
ragazzi che divisi in 6 gruppi hanno illustrato la storia dei cosiddetti “Schiavi di Hitler”. Furono
oltre 600. 000 i soldati italiani che dopo l’armistizio dell’Italia annunciato l’8 settembre 1943
rifiutarono di continuare la collaborazione con i tedeschi e pertanto vennero catturati e deportati nei
campi di concentramento nazisti. Il loro status non fu quello di prigionieri di guerra, per cui vennero
sottratti alla tutela della Croce Rossa Internazionale. Considerati “traditori” furono obbligati a
svolgere lavori particolarmente pesanti e pericolosi, esposti al rischio dei frequenti bombardamenti.
A costo della vita gli Internati Militari Italiani tennero fede al giuramento fatto alla Patria, allora
Regno d’Italia. Solo una piccola percentuale, spinta dagli stenti e da continue vessazioni, optò a
favore dei tedeschi. Più di 50.000 soldati italiani morirono nei lager, per lo più di fame e malattie tra
cui la tubercolosi. Migliaia ne morirono al rientro in Italia e negli anni successivi.
Ha aperto il convegno portando il suo saluto il Generale Potito Genova, Segretario generale dell’
ANRP.
Luciano Zani Professore ordinario di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze
Sociali ed Economiche della “Sapienza” è poi intervenuto illustrando le tematiche sviluppate nel
corso ed introducendo i gruppi degli studenti.
Tra gli argomenti trattati la difficile quotidianità degli IMI combattendo contro fame, freddo e
malattie; il lavoro coatto; la civilizzazione; la cultura degli IMI nelle “società dei lager” come
vettore di risocializzazione e ricostruzione dell’identità; il tema della religiosità, ancora di salvezza
nella speranza della liberazione; l’arte nelle sue forme più variegate: molte le composizioni
artistiche realizzate con materiali di fortuna: manufatti, dipinti e disegni pervenuti quasi intatti fino
a noi ed esposti nelle sale del Museo; la musica quale momento di evasione e socializzazione; la
passione per la fotografia con macchine di dimensioni minute e facilmente smontabili come la
Leica, nascoste addirittura tra gli indumenti intimi per essere sottratte alle frequenti perquisizioni
dei tedeschi. Materiale prezioso quegli scatti rubati che hanno permesso di visualizzare il reale
vissuto degli IMI nei lager in Germania.
Oggetto di discussione nel convegno tutto il complesso periodo storico dal fascismo alla guerra,
dall’armistizio alla cattura degli IMI, dalla liberazione al rimpatrio.
È stato affrontato anche il delicato tema del mancato riconoscimento sociale degli IMI post guerra,
l’oblio perpetuato nei loro confronti per tanti anni fino all “istituzionalizzazione della memoria”
che in Italia arrivò di fatto con la legge n. 296 del 27 dicembre 2006 in cui lo Stato Italiano ha​
previsto per gli IMI la concessione della Medaglia d’Onore. L’onorificenza a titolo di risarcimento
morale per la fedeltà alla Patria è concessa agli aventi diritto su richiesta degli eredi (pochissimi gli
IMI ancora viventi) tramite decreto del Presidente della Repubblica.
Ampio risalto è stato dato nel convegno alla storia di Livio Pedron, residente a di Formia, classe
1923, deportato nello Stammlager XVII in Austria ed insignito nel gennaio scorso di Medaglia
d’Onore IMI dal Presidente della Repubblica Mattarella. La sua toccante testimonianza è stata
organizzata dai ragazzi della “Sapienza” in un video documentario, a futura memoria.
Tra le storie degli IMI si è evidenziata quella di Ernesto Bonacini catturato in Grecia sebbene
sofferente di malaria ed internato nel Reserve–Lazaret di Zeithain in Germania, distaccamento dello
Stalag IV B di Mühlberg a circa 30 km da Dresda, tristemente noto come “campo di morte”. La
testimonianza proveniente dal suo “diario di guerra e prigionia “ è stata messa a disposizione dalla
figlia Elisa presidente dell’Associazione “Un ricordo per la pace” che da molti anni sta lavorando al
progetto “Memoria agli IMI” .
Ha destato molta emozione la storia di Calandrelli Arnolfo nato a Crognaleto (Teramo) il 6 marzo
1914. Catturato in Albania dopo l’8 settembre 1943 e deportato in Germania morì (presumibilmente
di tubercolosi) il 12 giugno 1944 presso lo Stalag VI A di Hemer- Hisirlon.
Grazie alla tenacia dei nipoti è stato possibile risalire al luogo di sepoltura presso il cimitero italiano
di Franconforte sul Meno in Germania; successivamente dopo un lungo iter burocratico la famiglia
ha potuto nel 2011 riportarne le spoglie in Italia. Ora Arnolfo riposa nel cimitero di Cesacastina
(Comune di Crognaleto) vicino alle tombe dei genitori.
Nel corso dell’evento sono avvenute due donazioni di materiale IMI al Museo tra cui l’unica lettera
di Arnolfo Calandrelli pervenuta alla famiglia dal lager in Germania. A consegnare il documento la
nipote Milva Calandrelli. Presente al convegno una folta rappresentanza della famiglia Calandrelli
tra cui la nipote Vania residente ad Aprilia.
(foto Associazione “Un ricordo per la pace”)

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15266 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.