Palazzotto: “Di Maio convochi un tavolo sulla crisi dei call center”



«Il Ministro Di Maio non vanifichi anni di sacrifici e rinunce fatti dalle lavoratrici e dai lavoratori Almaviva di Palermo e convochi immediatamente un tavolo per affrontare, e risolvere, l’emergenza occupazionale e per individuare quegli interventi strutturali necessari a non far morire un comparto, quello dei call center, in crisi da anni e che rischia di generare una catastrofe sociale che il territorio palermitano non potrebbe sopportare». Lo afferma Erasmo Palazzotto, esponente di Sinistra Italiana e deputato siciliano di Liberi e Uguali a Montecitorio.

«L’annuncio del taglio del 70% dei volumi di traffico dei due dei maggiori committenti di Almaviva contact a Palermo, Wind-Tre e Tim, e l’applicazione degli ammortizzatori sociali fra il 35 e il 60% su tutte le commesse lavorate a Palermo, come Sky, Alitalia e Trenitalia, mette seriamente a rischio l’occupazione del sito palermitano con il rischio di produrre nell’immediato circa 1.300 esuberi» prosegue Palazzotto.

«Questa è solo l’ultima delle emergenze che i lavoratori e le lavoratrici palermitani di Almaviva si trovano ad affrontare a causa dall’assenza di regole certe nel comparto dei call center. Assenza che permette ai committenti, in qualunque momento, di chiudere o dirottare all’estero le attività con conseguenze drammatiche per i lavoratori. Chiediamo un intervento deciso del governo perché i 3.000 occupati di Almaviva a Palermo vengano immediatamente tutelati», conclude Palazzotto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15756 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.