Tassa soggiorno: nel 2019 600 mln di gettito

turismo. fontana di trevi romajpg



Se da un lato si conosce l’entità del gettito garantito dalla tassa di soggiorno, pari a 600 milioni di euro nel 2019, dall’altro nessuno sa come i comuni utilizzino di fatto i fondi raccolti attraverso l’imposta. Lo denuncia oggi il Codacons, commentando i dati forniti da Federalberghi.
“I turisti che soggiornano presso 1.020 Comuni italiani sono tenuti al pagamento di tale tassa i cui proventi, in base al D.L. 23/2011, devono essere destinati “a finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali” – spiega il presidente Carlo Rienzi – Tuttavia regna il mistero più fitto su come realmente siano utilizzati i fondi raccolti attraverso l’imposta di soggiorno, e i cittadini pagano questo balzello a fondo perduto, senza conoscere gli interventi attuati dalle amministrazioni comunali grazie alla tassa in questione”.
Per tale motivo il Codacons rivolge oggi un appello al Ministro del Turismo, Gian Marco Centinaio, affinché sia garantita una maggiore trasparenza a cittadini e turisti, obbligando i Comuni a pubblicare online l’esatta destinazione della tassa di soggiorno e gli interventi realizzati grazie ai proventi raccolti attraverso l’imposta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15791 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.