Serie A: bagarre Champions League, in 5 per due posti

Serie A: bagarre Champions League, in 5 per due posti



Sarà con ogni probabilità una bagarre all’ultimo respiro la corsa per assegnare i posti per la prossima Champions League. Restano di fatto da assegnare gli ultimi due posti, dal momento che il primo e il secondo sono saldamente nelle mani di Juventus e Napoli, che hanno scavato un solco pressoché incolmabile con le altre, facendo un campionato a sé. A otto giornate dalla fine della Serie A, c’è un bel gruppone che si contenderà l’ingresso nella più importante competizione continentale per club. Inter, Milan, Lazio, Atalanta e Roma sono tutte impegnate in una gara senza esclusioni di colpi, dove a prevalere saranno con ogni probabilità non quelle che faranno meglio, ma meno peggio. Già, perché la gara per la Champions assomiglia tanto a una corsa del gambero. Nessuna delle pretendenti, infatti, ha fin qui fatto della continuità il proprio marchio di fabbrica, facendo registrare impennate inattese e cadute clamorose. Proprio per questo motivo, di possibilità, in linea più teorica che pratica, ci sarebbero anche per Sampdoria e Torino. Vediamo assieme il cammino da qui al termine della stagione di tutte e cinque.

L’Inter disputerà 5 partite in casa e 3 fuori. Un vantaggio non da poco, visto che il calendario dei nerazzurri appare molto ostico. Gli uomini di Spalletti, che nel frattempo hanno reintegrato l’epurato Mauro Icardi, se la vedranno con Atalanta, Roma e Juventus al Meazza di San Siro e con il Napoli al San Paolo. Un po’ più agevoli le altre sfide a Frosinone, Udinese, Chievo Verona ed Empoli, dato che molti verdetti per la retrocessione dovrebbero essere già stati emessi al momento dell’incrocio contro l’Inter.

Molto complicato anche il calendario del Milan, che sta viaggiando a marce molto ridotte. I rossoneri avranno 5 gare in trasferta e 3 in casa. Si comincia subito con la difficilissima partita dell’Allianz Arena contro la Juventus (Betway quota il successo dei bianconeri a 1.66, il pareggio a 3.75 e il colpo esterno del Diavolo a 5.50, quote al 3 aprile 2019). Poi sfide ostiche contro Lazio a San Siro e trasferte contro Torino e Fiorentina. In mezzo il match contro un Bologna che dovrebbe ancora essere invischiato nella lotta per la permanenza in A. Più agevoli le gare contro Parma, Frosinone e Spal. I rossoneri saranno impegnati anche nella semifinale di Coppa Italia.

Leggermente più agevole appare il calendario della Lazio, che si è prepotentemente inserita nella corsa Champions con il successo contro l’Inter. Gli uomini di Inzaghi sono gli unici a dover disputare 9 gare, anziché 8, perché devono recuperare l’incontro con l’Udinese. In totale 5 match in casa e 4 in trasferta. Gli ostacoli maggiori sono le gare esterne contro Milan, Sampdoria e Torino, oltre a quella interna con l’Atalanta. Anche i biancocelesti dovranno sostenere la fatica supplementare della semifinale di Coppa Italia.

Per nulla facile nemmeno il cammino dell’Atalanta da qui a fine stagione. Il club orobico va come sempre elogiato per l’ottimo lavoro svolto, con mezzi spesso molto inferiori alla concorrenza. I nerazzurri hanno anche la ghiotta occasione di raggiungere la finale di Coppa Italia dopo il 3-3 dell’andata delle semifinali. Ad ogni modo, il calendario della Dea presenta 4 gare in casa e altrettante in trasferta. Il problema è che proprio queste ultime fanno tremare i polsi: Inter, Napoli, Lazio e Juve. Difficoltà compensate dai match interni ampiamente alla portata contro Empoli, Udinese, Genoa e Sassuolo.

Chiudiamo con la Roma, fin qui la grande delusa della stagione. Se i capitolini non dovessero centrare la qualificazione alla prossima Champions, dopo i disastri compiuti in Champions con l’eliminazione per mano del modesto Porto e in Coppa Italia con la scoppola per 7-1 rimediata a Firenze, si potrebbe verificare una vera e propria rivoluzione sotto al Cupolone. Il calendario dei giallorossi li vedrà impegnati 4 volte in casa e 4 in trasferta. Difficile dire quale gara possa rappresentare un’insidia maggiore, dal momento che la Roma è capace di complicarsi la vita contro qualsiasi avversario. Di certo, le trasferte di Genova contro la Samp e di Milano contro l’Inter, nonché la gara interna contro la Juve sono i match sulla carta più improbi. Molto più alla portata gli incontri all’Olimpico contro Udinese, Cagliari e Parma, oltre alle trasferte con Genoa e Sassuolo.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.