Aeroporto di Fiumicino, sequestrate “scarpe stupefacenti”: sequestrati 5 chili di cocaina purissima



I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monipoli, hanno sequestrato 5 chili di cocaina purissima ed arrestato 4 corrieri.

L’attività delle Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino ha consentito di fermare un’anziana signora, proveniente da Lima (Perù) e residente a Perugia, la quale al momento del controllo dichiarava di essere di ritorno dal suo paese di origine e che all’interno del suo bagaglio trasportava solo dell’abbigliamento e alcuni oggetti da regalare ai suoi nipoti.

Diversi espedienti adottati per far passare la droga

Durante l’apertura e ispezione dei bagagli i finanzieri hanno rinvenuto numerosi documenti cartacei, indumenti e flaconi di crema, ma l’eccessiva rigidità degli abiti e dei fogli induceva gli operanti ad eseguire ulteriori accertamenti. I militari addetti al controllo pensavano di aver esaurito l’ampio repertorio degli espedienti adottati dai narcotrafficanti, ma con grande stupore, venivano smentiti dal narcotest effettuato su campioni di tessuto, che dava reazione positiva per la cocaina.

L’immediato sviluppo delle indagini consentiva di identificare e arrestare altre due connazionali della passeggera peruviana, anch’esse residenti a Perugia, accertate quali effettive destinatarie degli oltre 3 chili di sostanza stupefacente.

Doppifondi nelle scarpe con due chili di droga

Non meno fantasioso lo stratagemma utilizzato da una cittadina brasiliana proveniente da San Paolo (Brasile), che aveva pensato di eludere i controlli occultando circa 2 chili di cocaina purissima all’interno di elaborati doppifondi ricavati in 13 paia di scarpe di vario tipo.

Anche in questo caso gli esperti finanzieri sono riusciti ad arrestare il corriere e sequestrare lo stupefacente.

L’elevata purezza della droga intercettata avrebbe consentito alle organizzazioni criminali di immettere sul mercato della Capitale circa 20.000 dosi per un giro di affari di oltre 1 milione di euro. Tutte le 4 donne sono state associate alla Casa Circondariale di Civitavecchia a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

L’operazione di servizio rientra nell’ambito del costante contrasto della Guardia di Finanza al fenomeno del traffico internazionale di sostanze stupefacenti e alle organizzazioni criminali che si finanziano con il business della droga.

Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 11983 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.