Smeriglio, vicepres. Regione Lazio: “I renziani non si rassegnano a Zingaretti segretario? Si dovranno adeguare”

smeriglio ucraina



Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio e braccio destro di Nicola Zingaretti, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulle schermaglie dialettiche all’interno del PD

“Se la schermaglia è sul sistema dei valori, sui punti programmatici ben venga, perché il campo progressista è democratico, dove si può discutere –ha affermato Smeriglio-. Non siamo abituati, come altri, alle caserme dove c’è uno che comanda e gli altri eseguono. Il punto però è confrontarsi sui contenuti, non sulle carriere, sulla biografia delle persone. I renziani non si rassegnano a Zingaretti segretario? C’è una nuova situazione a cui con pazienza si dovranno adeguare”.

Sul salario minimo

“Io sono convintissimo che il centrosinistra debba partecipare a questa riforma. C’è il reddito di cittadinanza, che io condivido e su cui ero d’accordo anche prima che il M5S lo proponesse anche perché esiste in gran parte dei Paesi europei. Però se non costruiamo un nuovo sistema di welfare e di politiche del lavoro creiamo un casino. Bisogna normare il salario minimo intercategoriale. Bisogna stabilire che sotto una certa cifra non è più lavoro, è sfruttamento. Salario minimo, unito a reddito di cittadinanza e altre politiche sul welfare. Io non sono iscritto al PD e non sono stato al governo, se il Pd non ha fatto questi provvedimenti prima ha fatto un errore. Se sulle partite iva il governo ha fatto una politica di abbattimento della pressione fiscale io sono contento. Sulle condizioni materiali di vita delle persone la sinistra è stata disattenta, raccontando solo il Paese che funzionava, invece c’era un’altra parte di Paese che stava andando a picco”.

Sulla collaborazione col M5S in Regione

“Sta funzionando molto bene. Il M5S è all’opposizione del governo Zingaretti ma su alcuni punti specifici può capitare di avere una convergenza. Questa è la normalità delle assemblee elettive quando provano a funzionare. La politica è confronto costruttivo, non è solo propaganda e marketing da pollaio televisivo”.

Fonte: Radio Cusano Campus

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14588 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.