Pascucci, sindaco di Cerveteri: “La nuova sede di Casapound davanti casa dei miei genitori, mi perseguitano”



Venerdì 15 marzo a Cerveteri è stata inaugurata la nuova sede di Casapound. Alessio Pascucci, il sindaco della città, è intervenuto sul tema a Radio Cusano Campus, durante il programma “Un Giorno Da Ascoltare” con Misa Urbano e Arianna Caramanti.

Mi chiedete se sono felice per la nuova sede di Casapound?

“Mi chiedete se sono felice per la nuova sede di Casapound? Tra l’altro non ho ricevuto alcun invito per l’inaugurazione di venerdì 15 marzo. Il paradosso è che i locali della nuova sede, utilizzati fino a qualche tempo fa da Forza Nuova, si trovano avanti casa dei miei genitori quindi sarà costretto a vederla ogni volta che andrò a casa loro. Mi perseguitano” ha affermato Pascucci.

“Cerveteri è la mia città ed è una città che lotta e cerca di difendersi, poi alcune scelte come questa mi rendono particolarmente triste ma io sono una persona democratica e penso che ognuno debba esprimere le proprie idee ma quando ci sono forze politiche che si rifanno ai valori del fascino e sono chiaramente anticostituzionali e utilizzano un atteggiamento violento anche nei modi di proporsi, come si fa ad essere orgogliosi di questo?! Forse hanno scelto la mia città per la nuova sede per vedere meglio la bandiera della pace del Comune.

Con gli esponenti di Casapound ci siamo incontrati tempo fa

Con gli esponenti di Casapound ci siamo incontrati tempo fa ma loro sono ancora arrabbiati con me perché sono mesi che chiedo agli enti preposti la chiusura della loro sede abusiva in Via Napoleone III senza ricevere alcuna risposa, nemmeno da parte del Prefetto che risponde solo a Casapound ignorando le mie richieste. Qualche tempo fa era stata approvata una mozione in cui si chiedeva lo sgombero della sede, votata dal gruppo dei consiglieri del PD e del M5S quindi anche dalla Raggi: la risposta delle Istituzioni è stata picche poiché lo stabile non è pericolante e non è in cattive condizioni quindi ci sono altre priorità. Questa risposta è simbolica”.

“La bandiera è ancora lì, affissa nella parete esterna del Comune perché, nonostante i ragazzi di Casapound abbiano chiesto al Prefetto la rimozione, quest’ultimo ha detto che li ci può stare a patto che sia a debita distanza da quelle istituzionali. Appena avrò tempo farò in modo di mettere le bandiere della pace anche all’interno delle scuole di Cerveteri. Non solo: mi dispiace non essere stato all’inaugurazione della loro nuova sede perché gli avrei portato una bandiera della pace. Prometto che appena avrò tempo mi recherò nella sede di Casapound qui a Cerveteri a regalare loro una bandiera”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.