Roma, arresto De Vito, Zannola, PD: “Noi siamo garantisti ma oggi cade il castello costruito dal M5S”

Giovanni Zannola
Fonte foto: Pagina Facebook Giovanni Zannola



Giovanni Zannola, consigliere del Partito Democratico di Roma Capitale, è intervenuto a Radio Cusano Campus, nella trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente, e ha commentato l’arresto per corruzione del presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito, nell’ambito dell’inchiesta della Procura sullo stadio della Roma.

Sull’arresto di Marcello De Vito

“Bisogna essere garantisti fino in fondo, attendere che la magistratura compia appieno il suo corso. E’ ovvio che oggi cade tutto il castello costruito dal M5S in questi anni. Serve un passo indietro. Noi non ripagheremo con la stessa moneta. Ho visto le foto degli ex consiglieri e della stessa sindaca che venivano con le arance in aula. Credo che i grillini facessero un’analisi chiara di quello che è successo ci dovrebbero delle conseguenze politiche.

Sul M5S

“Il M5S in Campidoglio si dovrebbe dimettere ma lo dico da tempo, ma non per quello che accade oggi. Tutte le promesse fatte alla città nono state mantenute. Il segretario nazionale del Pd ha detto di attendere, ci riuniremo insieme per capire come affrontare la situazione”.

Su Marcello De Vito

“Mi ha colpito l’arresto perché penso prima al padre e poi al politico, a quanto sia difficile per una persona affrontare la situazione. Ma mi colpisce soprattutto l’idea di una città che non sa rinunciare a queste forme di rapporto tra malaffare e politica. E’ una cosa che fa male da cittadino romano.

Sulle grandi opere

“Non bisogna comunque rinunciare a fare le grandi opere, così come non bisognava rinunciare alle Olimpiadi. Per la città lo stadio è un’opportunità, il progetto deve andare avanti ma non quello che è stato presentato dal M5S in questa consiliatura”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.