Ambiente, Rostan: “Serve terapia d’urto contro roghi tossici, militari non bastano”



“La Terra dei fuochi brucia ancora e non vi è traccia di quei risultati concreti promessi e non realizzati da parte del Governo. Il terribile rogo di questa mattina a Casoria, i cui fumi tossici sono arrivati fino a Napoli, ne è la dimostrazione”. Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan, presentando un’interrogazione sulle misure di contrasto ai roghi tossici.
“Per la Terra dei fuochi serve una misura d’urto – ha proseguito la deputata di Liberi e Uguali – che non può assolutamente ridursi al monitoraggio della situazione e al presidio da parte dei militari dei siti di stoccaggio, così come non basta aver introdotto il reato di combustione dei rifiuti. E’ evidente che la camorra continua a lucrare sulla salute dei cittadini e contro questo orrore servono più forze dell’ordine in campo e più attività di intelligence che individui le nuove rotte del malaffare delle ecomafie in Campania”.
“Chiederò al Ministro Sergio Costa un incontro – ha concluso la Rostan – per predisporre un Piano straordinario di tutela del territorio circoscritto tra l’area a nord di Napoli e il Casertano. I cittadini non possono più subire gli avvelenamenti della criminalità organizzata”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13429 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.