Rostan: “Pochi denunciano il bullismo, potenziare rete sociale”



“Dai dati presentati dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps), in occasione della Giornata mondiale contro il Bullismo e il Cyberbullismo, emerge chiaramente un paradosso. Da un lato il numero stratosferico di vittime, oltre la metà dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni. Dall’altro il numero di casi trattati dalla Polizia Postale, appena 496 nel 2019. E’ evidente che esiste un serio problema per far emergere il fenomeno nella sua drammaticità, a partire proprio da chi lo subisce. Bisogna potenziare la rete sociale costituita da scuole, famiglie, forze dell’ordine e istituzioni locali, che possa dare sostegno e sicurezza alle vittime nel momento in cui scelgono di denunciare i loro aguzzini”. Lo ha dichiarato Michela Rostan,  vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.
“Quelli del bullismo e del cyberbullismo sono fenomeni per troppo tempo sottovalutati – prosegue la deputata di Liberi e Uguali – e adesso urge correre ai ripari. Bisogna finanziare progetti specifici per la formazione degli studenti e delle loro famiglie finalizzati a riconoscere il fenomeno, con il supporto di tecnici specializzati degli ordini degli psicologi, psichiatri e sociologi oltre all’ausilio del personale delle Forze dell’Ordine. Bisogna dare sicurezza ai nostri ragazzi che cadono nelle insidiose maglie del bullismo e del cyberbullismo, affinchè trovino la forza di uscire dal tunnel. Al tempo stesso bisogna prevenire il fenomeno comprendendo che il bullo è esso stesso vittima di situazioni complesse, quasi sempre nell’ambito familiare. Lavorare per ridurre queste criticità significherebbe ridurre alla base il fenomeno”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21146 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.