Sulla tua parola getterò le reti…



Con questo articolo voglio invitarvi non solo a ragionare ma anche ad avere speranza. Alle volte la vita ci riserva delle sconfitte (in amore come nel lavoro, nelle amicizie oppure con la morte di un caro) dove è facile cadere vittime della delusione e dello scoraggiamento.

Sconfitte amare che paralizzano e fanno perdere il piacere della vita; in esse siamo come sommersi da una valanga.

Che fare in questi casi? In soccorso arriva la fede e vi invito a leggere il vangelo secondo Luca 5,1-11, in particolare: “Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: “Prendi il largo e calate le reti per la pesca”. Simone rispose: “Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti”. E avendolo fatto, presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano”.

Cosa significano queste parole? A mio avviso sono una sfida ad avere coraggio per prendere il largo. Occorre avere il coraggio di rischiare e di andare lontano, per uscire dalle acque del nostro porto dove fino ad oggi si è pescato solo molluschi. Solo se si avanzerà verso un “nuovo” mare, dove le acque sono scure e profonde, sarà possibile la “pesca miracolosa”.

Certe sconfitte, però, ci mettono a dura prova; l’invito a prendere il largo appare troppo grande, esagerato, impossibile da attuare. Chi, però, non prova è sconfitto due volte. Troppe volte ci rassegniamo alla mediocrità, come se un’alternativa non potesse esserci. Ci arrendiamo al contesto sociale, ai mass media, agli amici, a chi ha umiliato il nostro amore.

Muoversi, sia chiaro, è doloroso, poiché richiede un impegno costante, quotidiano, con dure sfide da combattere.

Sfide, però, che se da un lato ci faranno ulteriormente soffrire, dall’altro ci miglioreranno. Paradossalmente più si soffre e si diventa vulnerabili, più si migliora come uomini.

Parlo di fede, perché il Signore ci chiede la disponibilità e la fiducia verso lui; occorre basare il nostro comportamento sulla sua parola. Se ci fidiamo di lui, si apriranno nuovi orizzonti da ammirare e nuovi mari da solcare.

La pesca miracolosa che si rinnova non è tanto il riempire la rete di pesci ma il non essere vittime della delusione e dello scoraggiamento che, inevitabilmente, incontreremo al timone della nostra barca.

Sperare per vivere o vivere senza speranza; la scelta la facciamo noi.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13141 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.