Alessandra Mussolini: “Bella ciao in chiesa? E’ un abuso di potere”



L’Europarlamentare Alessandra Mussolini è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. 

Sul parroco di Bologna che ha fatto cantare ‘Bella ciao’ in chiesa

“Al di là di quello che è accaduto, ormai non c’è più lo spirito del Natale –ha affermato Alessandra Mussolini-. I parroci non fanno più quello che devono fare, bisognerebbe chiedere al Santo Padre cosa ne pensa. Penso che questo signore di Bologna, perché non credo sia un parroco, oltre a ‘Bella ciao’ non faccia neanche più il segno della croce ma il pugno chiuso in chiesa, quindi non è una chiesa, è un luogo dove si fa politica. Se sono contenti loro… Non so se ci sia un disegno preciso dall’alto oppure significa che vogliono fare politica. A quel punto potrebbero anche togliersi l’abito talare e mettersi a fare politica come tutti gli altri, mica è vietato. Smettano di fare i preti e si mettano a fare politica, si sposino e facciano figli, come altri”.

Questi atteggiamenti dipendono dall’avvento di Matteo Salvini?

“No, gli imbecilli ci sono sempre stati –ha detto Alessandra Mussolini-. Secondo me questi preti allontanano dalla chiesa quelli che credono. A parte che uno dovrebbe pregare nell’intimità, non serve la chiesa per pregare, ma detto questo, secondo me uno che va in chiesa e si sente cantare ‘Bella ciao’ e fare il pugno, potrebbe mettersi la camicia rossa oppure si allontana, non credo che queste cose possano avvicinare. Non dovrebbero essere ecumenici? A me sembra che siano sempre più di parte. Accolgano i migranti dentro le chiese o in Vaticano anziché cantare Bella Ciao. Più che bella ciao, ciao bella a tutti, tanto loro stanno belli al calduccio”.

Sul parroco della chiesa di San Piero ad Agliana (Pistoia) che nell’omelia ha detto: se ci fosse stato Salvini, Gesù bambino sarebbe morto

“E’ anche ignorante –ha dichiarato Alessandra Mussolini-. I preti fanno politica da sempre, ma non ha senso farla così platealmente perché a quel punto dovrebbero smettere di fare i preti e fare politica. Altrimenti è abuso di potere perché sfruttano un ordine importante, hanno potere e influenza dato che fanno la predica, se fanno la predica è perché si sentono superiori ai fedeli. Quindi è un abuso di potere”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.