Aprilia: commemorazione del 4 novembre 1918, cento anni dopo



Si è tenuta ad Aprilia nella mattinata di domenica 11 novembre la commemorazione del 4 novembre
Giorno dell’Unità nazionale e delle Forze Armate.
La ricorrenza quest’anno nel centenario della data in cui l’Italia annunciava vittoriosamente, a seguito
dell’armistizio di Villa Giusti, la fine della guerra con l’impero austro ungarico.
La manifestazione celebrativa organizzata dal Comune di Aprilia ha visto il raduno in Piazza Roma delle
Associazioni Combattentistiche e d’Arma; a seguire la Santa Messa presso la Chiesa di San Michele
Arcangelo e Santa Maria Goretti. Il corteo delle autorità e delle associazioni si è poi recato al
Monumento di Piazza della Repubblica ove è stata deposta una corona d’alloro in memoria dei Caduti.
La cerimonia commemorativa si è conclusa presso la Sala Consiliare “Luigi Meddi” con i saluti del
Sindaco Antonio Terra ad associazioni e cittadinanza.
Esposti simbolicamente in sala alcuni cimeli della prima guerra mondiale appartenenti alla collezione
Bonacini denominata “Un ricordo per la pace” come l’omonima associazione: la bandiera del Regno
d’Italia, l’elmetto di un milite artigliere, il cappello dell’alpino e la “vaira” dei bersaglieri, i cosiddetti fanti
piumati; una rosa rossa avvolta dal nastro tricolore quale omaggio per tutti i Caduti.
Nel discorso del Sindaco, oltre al ricordo di quanti hanno combattuto per l’unità d’Italia, ampio risalto è
stato dato al contributo della Croce Rossa e delle crocerossine nella Grande Guerra.
L’Ispettrice Sorella Gisella Scalet è intervenuta illustrando l’origine della Croce Rossa ed il prezioso
ruolo delle crocerossine nel primo conflitto mondiale.
Il giovane consigliere Federico Cola ha letto il “Bollettino della Vittoria” del generale Armando Diaz.
Proiettato un breve video con la toccante testimonianza di un reduce.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22334 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.