Ostia, lite tra immigrati finisce con un accoltellamento: fermato un uomo



I Carabinieri di Ostia hanno arrestato un 42enne marocchino, senza fissa dimora e con precedenti, ritenuto responsabile del tentato omicidio di un altro cittadino straniero, 38enne romeno, anche lui senza fissa dimora.

I fatti sono accaduti nel piazzale antistante la stazione della metropolitana “Lido Centro” di Ostia, dove i due uomini, a seguito di una lite scoppiata per futili motivi, hanno avuto una violenta colluttazione che ha avuto come epilogo il ferimento del 38enne, colpito al fianco sinistro e alla gola con un coltello. Dopo il ferimento, l’aggressore si è subito dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Carabinieri di Ostia allertati dai passanti

Allertati dai passanti, i Carabinieri sono intervenuti sul luogo e, insieme ai sanitari del 118,
hanno dapprima prestato i necessari soccorsi alla vittima e poi, dopo aver acquisito le prime
informazioni, hanno iniziato la ricerca del 42enne.

Dopo poche ore, i Carabinieri sono riusciti ad intercettare l’aggressore in una via adiacente, il
quale presentava ancora delle macchie di sangue sui vestiti e degli evidenti segni della
colluttazione. I Carabinieri, a seguito di perquisizione, hanno trovato in suo possesso anche il
coltello utilizzato, ancora sporco di sangue, e molteplici dosi di marijuana.

La vittima, trasportata d’urgenza e in pericolo di vita all’ospedale “G.B. Grassi”, è stata poi
sottoposta a intervento chirurgico, con prognosi di 30 giorni.

L’arrestato, dopo essere stato medicato anche lui in ospedale, è stato portato in carcere a
Regina Coeli. E’ stato anche denunciato per detenzione di sostanze stupefacenti.

Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 11902 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.