Non abbiamo parlato di Tanina, ecco il perché!

Non abbiamo parlato di Tanina, ecco le motivazioni!



Il caso di Maria Tanina è stato un fulmine a ciel sereno, un fatto delittuoso che probabilmente nessuno si aspettava a Fiumicino e che ha sconvolto molte persone non solo i parenti. Chi vi scrive non è né un redattore, né un giornalista, ma l’editore de Il Tabloid, ho voluto prendere parola perché questa vicenda ha sin da subito preso dei risvolti drammatici iniziati con l’appello del marito su Facebook con la foto di Tanina in cui chiedeva aiuto per ritrovare la moglie.

Ore di apprensione in cui le condivisioni e i commenti fioccavano ad una velocità incredibile ed è per questi che mi sento, da concittadino, di chiedere scusa prima di tutto ai figli e al marito di Tanina. Commenti che hanno dimostrato quanto i social, Facebook in questo caso, stiano distruggendo il modo di percepire le cose, commenti a volte quasi al limite dell’offensivo senza tener conto che i commenti su quel post li potevano leggere oltre che al marito anche i figli. Centinaia di commenti con scritto “Condiviso” come per sottolineare “hai visto ho dato una mano” come se la solidarietà debba essere per forza sbandierata per farsi dire bravo!

Non parlo solo dei gruppi di Fiumicino ma di centinaia di gruppi su diverse zone di Roma e del Litorale ma anche di altre città. Persone che commentavano, sgradevolmente, il trucco di Tanina senza pensare al dolore dei familiari, è questa che è diventata la società del terzo millennio?

Ho chiesto ai miei redattori di non parlare della vicenda per rispetto della famiglia dopo che avevano subito una vera e propria gogna da social in poco meno di due ore! Vorrei sottolineare che ogni vostro commento con su scritto “Condiviso” era una notifica che arrivava al marito e che dava una speranza ma che invece veniva spenta dal vostro egocentrismo da Facebook!

Dal ritrovamento del corpo di Tanina in Via Castagnevizza tutti con il cappello di Sherlock Holmes per scoprire cosa fosse successo, sono quasi certo che qualcuno dentro casa abbia anche allestito la tipica bacheca in vetro utilizzata dal Ris di Parma, e ovviamente a commentare qualsiasi articolo che compariva sui social. Il silenzio è il più grande segno di rispetto che esiste e deve essere usato specialmente in questi casi. C’è stata oggi la confessione del personal trainer di Tanina Andrea De Filippis, si capiranno le motivazioni, ci penseranno gli inquirenti perché è il loro compito non il vostro, si saprà a breve la verità, nel frattempo tacete!

In ultimo i cronisti che hanno seguito il caso, secondo voi chi è stato sul posto, chi ha intervistato, chi ha aspettato le notizie ufficiali era contento di farlo? È il mestiere del cronista che si occupa di cronaca nera che, credetemi, ha più contro che pro! Ho letto più di qualcuno scrivere “giornalista sciacallo” in qualche commento però poi tutti a leggere l’articolo per avere delle indiscrezioni per parlare o sparlare con l’amico o l’amica al bar o dal parrucchiere.

Oggi il mio pensiero va a Tanina, al marito, ai figli e ai familiari sapendo che probabilmente giustizia è stata fatta. Per quanto riguarda questo editoriale certamente vi farà schifo ma questo è quello che penso ed essendo editore di un giornale online sono abituato a dirle le cose e, soprattutto, ho la possibilità di farle pubblicare.

Se non vi piace pazienza a breve scomparirà dalle vostre bacheche di Facebook…

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.